Paura per Ciccio Graziani. Il suo racconto a Domenica Live: «Sono un miracolato»

Domenica 27 Settembre 2020 di Valeria Arnaldi
Ciccio Graziani

Momenti di commozione per Ciccio Graziani a Domenica Live. L’ex calciatore, in video collegamento, racconta l’incidente domestico in cui ha riportato la frattura di sei vertebre e la rottura di undici costole. Il racconto non è semplice per Graziani, cui la voce si spezza più volte per l’emozione, soprattutto quando parla della terapia intensiva, dove è rimasto per 48 ore.
 

 

«Sono caduto su un tappeto di erba sintetica, è stata una fortuna: i chirurghi mi hanno detto che quello ha attutito un po’ il colpo. Ho fatto una stupidaggine. Ho preso una scala allungabile per riparare una rete. Sono salito  fino a circa sei metri, si sono sganciati i rampetti di acciaio che tenevano la scala. Mia moglie non voleva che salissi sulla scala, poi si è spaventata tanto».
Graziani è caduto su un fianco.
«Sono caduto rannicchiato, tutto sulla parte sinistra. Mi sono fratturato sei vertebre, per fortuna tutte in modo lineare. Sembrava ci fosse la milza compromessa ma era solo un’emorragia interna».
Non solo.
«Si è formata una sacca di sangue che cominciava a incidere un po’ sul polmone e sulla respirazione. Avevo sempre l’ossigeno per aiutarmi a respirare. Poi mi hanno proposto l’operazione. Avevo paura soprattutto delle emorragie interne. Le prime 48 ore in terapia intensiva sono state toste - e qui  Graziani si commuove - pensavo di essere in pericolo di vita, ti prendono tutte le paure del mondo, in quei momenti, pensi alla vita, alla famiglia, alle persone alle quali vuoi bene. Senza l’aiuto di Dio… avrà detto ad un angelo custode di aiutarmi, mi sarei tritato tutto. Fortunatamente, tutti i danni sono risolvibili. Sono stato fortunato, molto di più: miracolato».
 

Ultimo aggiornamento: 19:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA