Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Eugenio Bennato, a “Oggi è un altro giorno” il ricordo del tour: «Credevano fosse Gesù, l'hanno circondato»

Mercoledì 1 Dicembre 2021
Eugenio Bennato a Oggi è un altro giorno su RaiUno

Eugenio Bennato a “Oggi è un altro giorno” su RaiUno. L’artista napoletano Eugenio Bennato, fratello di Edoardo, è stato ospite del programma pomeridiano condotto da Serena Bortone.

Eugenio Bennato a “Oggi è un altro giorno” su RaiUno

Eugenio Bennato a “Oggi è un altro giorno”

Eugenio Bennato ospite a “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone su RaiUno. Eugenio Bennato ha raccontato la sua infanzia a Napoli, assieme al fratello Edoardo: «Vivere a Napoli è vivere in una città doppia- ha raccontato -  con una grande nobiltà e il popolo. Il parlare forbito da un lato e il dialetto dall’altro. La mia carriera artistica è iniziata grazie a mia madre. Quando eravamo piccoli ha deciso che dovevamo impararea suonare il violino e noi la mattina andavamo al mare e il pomeriggio studiavamo».

Laureato in fisica, ha comunque intrapreso la carriera d’artista diventato uno dei protagonisti della scena musicale italiana e internazionale. Eugenio Bennato ha collaborato con diversi artisti, fra cui Pino Daniele: «Lui veniva spesso ai miei concerti quando non era famoso, voleva assimilare qualcosa della canzone popolare. L’ho ritrovato dopo anni disponibile, nonostante il successo, a suonare insieme a me un pezzo durante un concerto. Di fronte a me ho scoperto un ragazzo napoletano diventato un grande artista».

Con l’amico artista Tony Esposito ha raccontato un episodio accaduto durante un tour con i Musicanova: «Eravamo in Nigeria e Tony era vestito praticamente da santone, con tunica bianca e capelli lunghi. I bambini di Lagos cominciarono a vociare, poi lui fu circondato dai piccoli che pensavano fosse Gesù perché avevano visto una sua immagine. Gli tiravano i capelli… In quell’esperienza lui stavo nel suo elemento, l’Africa dei tamburi, e io nel mio sud. Quindi abbiamo fatto un tour bellissimo».

A salutare Eugenio attraverso un video anche il fratello Edoardo Bennato: «Questa è stata una vera sorpresa, anche perché di solito lui è scorbutico e schivo, ma quando c’è il fratello Eugenio è tenerissimo...».

© RIPRODUZIONE RISERVATA