Gf Vip, Carolina Marconi in lacrime: «La probabilità di avere un figlio dopo il tumore è del 5%»

Gf Vip, Carolina Marconi in lacrime: «La probabilità di avere un figlio dopo il tumore è del 5%» Foto: Uff. stampa Endemol
Gf Vip, Carolina Marconi in lacrime: «La probabilità di avere un figlio dopo il tumore è del 5%» Foto: Uff. stampa Endemol
Martedì 18 Ottobre 2022, 00:14 - Ultimo agg. 15:17
4 Minuti di Lettura

Proprio dentro la casa del Grande Fratello, Carolina Marconi ha conosciuto la fama. E da quel 2004 di strada ne ha fatta la showgirl. Il successo, l'amore, aveva tutto ma Carolina, nel corso degli ultimi anni, ha anche dovuto fare i conti con una lunga e difficile battaglia contro un tumore al seno. I primi giorni della diagnosi, l’iter della malattia, la chemioterapia: ogni tappa di questo difficile percorso è stato raccontato tutto sui social e poi in un libro, in cui si è messa a nudo aprendo il suo cuore e raccontando le numerose difficoltà vissute. 

Tumori e alimentazione: «Una dieta povera di zuccheri per "fermare" il cancro». I consigli del medico di Carolina Marconi

Carolina Marconi in lacrime

Ha scoperto della malattia quando dopo vari tentativi, non riuscendo a rimanere incinta, aveva deciso con il suo compagno, Alessandro Tulli di provare con la fecondazione assistita. Ed è stato in quel momento che ha scoperto di avere un tumore al seno. La diagnosi era arrivata a sorpresa nel mese di marzo. Sottoposta a un lungo intervento ad aprile, ha affrontato la chemioterapia e ha scelto di condividere pubblicamente la sua battaglia contro la malattia per dare speranza a tutte le persone che come lei si sono trovate, o si trovano, a lottare contro un cancro. «Alessandro non mi ha lasciata un secondo, mai. Mi preparava da mangiare, mi stava a fianco, lui ora è la mia famiglia»

Carolina Marconi, tac e mammografia: «Il cuore mi batteva forte»

La voglia di avere un figlio

E ora al termine delle cure, ci proveranno ad avere un figlio, perché è quello che vogliono. «Tu un figlio lo avrai, se non riuscirai di tuo è giusto che te lo facciano adottare e noi lotteremo con te per fartelo ottenere». Alfonso Signorini la abbraccia virtualmente per cominciare a parlare insieme a lei di quei momenti. «La probabilità di avere un figlio dopo il tumore è del 5%», lo sa la vippona, ma non molla.

«Ti sei rasata i capelli di fronte allo specchio mentre facevi un video, dove hai trovato la forza?». Alfonso la ammira. «La forza in quei momenti ti esce fuori, Alessandro piangeva, ma io gli ho detto ora mi metto il mio rossetto e poi mi raso - è forte e determinata Carolina - Ero una pelatina con il sorriso. Ho scelto di fare questo programma perché avevo bisogno di spensieratezza. Dovevo dimostrare a tutte le donne che dopo un tumore si può tornare a sorridere. Non permettete al cancro di levarvi la voglia di vivere mai».

Carolina Marconi, la battaglia per il diritto all'oblio oncologico: «Non possiamo adottare né chiedere mutui». La vita a metà dei guariti dal cancro

La sorpresa del fidanzato

Un percorso verso la guarigione che è segnato da Alessandro. «Per me la cosa piu' difficile dello stare qua è la mancanza di lui. Auguro a tutte le donne un amore come lui. La vera medicina è la famiglia».

Ma per lei c'è una sorpresa: Alessandro è lì in giardino ad attenderla. «Non sei sola il mio cuore è sempre lì con te, è un'esperienza difficile ma ricordati che qua non devi dimostrare niente a nessuno tu quello che dovevi dimostrare lo hai già fatto. Per favore non entrare in dinamiche che possono fare male alla tua salute. Voglio vederti che sorridi, i momenti bui sono passati ora c'è solo la luce, non permettere a nessuno di toglierti il sorriso. Hai dimostrato di essere una donna forte, dai la possibilità alle persone di farsi conoscere e di farti conoscere. Quando sei stanca e non ce la fai più alza la mano e io sono qua fuori ad aspettarti sempre». Carolina è emozionata e Alfonso vuole fare i complimenti ad Alessandro per il suo atteggiamento. «La fora me l'ha data lei, è una vera guerriera. Il nostro sogno è quello di avere un figlio»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA