Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'attrice di "Smalville" rischia trent'anni di carcere: «Mi sono unita a una setta, reclutavo schiave sessuali»

Martedì 9 Aprile 2019
L'attrice di "Smalville" rischia trent'anni di carcere: «Mi sono unita a una setta, reclutavo schiave sessuali»
I trentenni la ricorderanno nel telefilm per teenager "Smallville", ma la vita dell'attrice Allison Mack è molto cambiata da allora. Nella serie era l'amica del giovane Superman, oggi è una donna accusata di traffico di esseri umani. «Reclutavo schiave sessuali», ha dichiarato confessando la sua colpevolezza. La Mack ha ammesso il suo coinvolgimento nell'organizzazione Nxivm.

Cucchi, il carabiniere Tedesco: «A Stefano schiaffi e un calcio in faccia, da allora vivo nella paura dei colleghi»

Avrebbe creato all'interno di Nxivm il gruppo Dos, una setta nella quale le donne reclutavano altre donne per compiere atti sessuali. All'interno di Dos, il 'santone' Keith Raniere, conosciuto nel gruppo come Vanguard, era l'unico uomo e leader: anche lui è finito sotto accusa. 
 «Sono giunta alla conclusione che devo assumermi la piena responsabilità per la mia condotta ed è per questo che mi sto dichiarando colpevole oggi», ha affermato l'attrice con un filo di voce secondo quanto si legge su Vulture.com. Pantaloni scuri, maglioncino color panna e cappelli raccolti, la 36enne rischia fino a 20 anni di carcere.

Mack ha spiegato in parte cosa l'abbia portata a Nxivm: molti dei membri erano «persone meravigliose mentre altre, ora me ne rendo conto, non lo erano». «Mi sono unita a loro per trovare uno scopo... Credevo davvero di aver trovato un gruppo di persone che la pensavano come me. Credevo che le intenzioni di Keith Raniere fossero di aiutare le persone. Mi sbagliavo». «Sono molto dispiaciuta per le vittime», ha concluso la donna. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA