«Mark Caltagirone, una storia italiana»: Gianni Ippoliti mostra il trailer del film diffidato da Pamela Prati

ARTICOLI CORRELATI
di Silvia Natella

«​Mark Caltagirone esiste», parola di Gianni Ippoliti, che questo pomeriggio ha presentato alla stampa il trailer del cortometraggio ispirato al fantomatico fidanzato di Pamela Prati e diffidato dai legali della showgirl. La trama di “Mark Caltagirone, una storia italiana” ruota attorno allo scandalo che ha monopolizzato l’attenzione mediatica e i programmi televisivi nell’ultima stagione televisiva. Ottimo materiale per costruire una satira di costume o - come lo definisce lo stesso  regista - per dare vita a un fanta-thriller. 

LEGGI ANCHEFedez e Gigi Hadid "innamorati": «Sto già preparando le carte per il divorzio...»
 
 

Come nella realtà, sono tanti gli interrogativi lasciati in sospeso e il finale del film resta aperto. «Dobbiamo girare nuove scene che tengano conto dell’attualità», spiega Ippoliti, convinto che gli show televisivi - terminata la pausa estiva - forniranno altri dettagli pruriginosi. Lui stesso è stato ospite di “Live non è la D’Urso” la scorsa domenica: «È stata un’esperienza sconvolgente. Sono rimasto scioccato e non riuscivo a capire nulla».

Una sensazione simile a quella suscitata dalla visione del trailer. La parodia ha lasciato spazio al “nonsense”. Il copione, degno del Teatro dell’assurdo, si popola di strane figure, personaggi apparentemente fuori dal contesto. L’unica certezza è la presenza di Mark, l’imprenditore 50enne che doveva sposare Pamela Prati. Qui ha il volto di Massimo Di Carlo ed è proprio deciso a mettersi la fede al dito. L’attore ha presenziato l’anteprima nella sede dell’Adnkronos insieme alla protagonista Fabiana Latini. «Per interpretare Pamela Prati - racconta l’attrice - negli ultimi sette mesi ho guardato le puntate di tutti i programmi televisivi che ne hanno parlato. Qualche fan mi ha scritto 'Non ti abbassare a questa cosa' pensando che questo ruolo mi danneggiasse un pochettino, ma posso fare una prostituta come una madre generosa... Quando un'attrice si deve calare in una persona lo fa con professionalità».

Nessuno del cast, tuttavia, si sbilancia sulla storia, ma il trailer consegna alla memoria battute paradossali, espressioni al limite della comicità, personaggi improbabili. Resta oscuro, ai fini della trama, il contributo di una suora e di un uomo incappucciato o il presunto epilogo sull’inesistenza di Pamela Prati. «Del resto il suo vero nome è Paola Pireddu», sottolinea Ippoliti. Quello che realmente è vivo e vegeto, a dispetto delle varie inchieste, è Mark Caltagirone. «Per me è esistito. Per motivi di convenienza e comunicazione è sparito. Anche tutte le invenzioni partono da un dato oggettivo, dalla realtà».

Ciò che conta per il regista, tuttavia, non è che la coppia convoli a nozze, ma che l’opinione pubblica capisca che il film non è lesivo della dignità di nessuno. Eppure dieci legali della showgirl hanno diffidato l’organizzazione del Festival del Cinema di Maratea dal proiettarlo quest’estate. Gianni Ippoliti lancia così la sua sfida nel nome della libertà di satira. Ed è ancora marketing, nonsense, clamore mediatico. 
Giovedì 19 Settembre 2019, 20:11 - Ultimo aggiornamento: 20 Settembre, 11:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP