Michael Magnesi, campione mondiale di pugilato: «Mio padre aveva un tumore, abbiamo lottato e vinto insieme»

Venerdì 8 Ottobre 2021
Il Leon wolf italiano, Michael Magnesi, racconta la promessa al padre malato di cancro: non mollare lo sport

Michael Magnesi, il campione del Mondo IBO (International Boxing Organization) di boxe, ospite nel salotto di Rai UnoOggi è un altro giorno, condotto da Serena Bortone, dichiara che la sua vittoria è frutto di una sfida col padre. «Tra me e lui c'era una promessa: lui avrebbe sconfitto il cancro purché io non mollassi lo sport».

 

Leggi anche - Caduta Libera, Gerry Scotti da record. Scheri (Canale 5): «La sua leadership va al di là dei numeri»

 

«Avevo solo 17 anni e quando lui doveva operarsi e io avevo deciso di lasciare lo sport -racconta -. In quel frangente, mi sono sentito di dover aiutare. Ho iniziato a lavorare, oltre a fare il pugilato, la mia passione. Ogni mattina la sveglia suonava presto tra cantiere e forno, c’era poi la preoccupazione per papà soprattutto».

 

Classe '94, nato a Palestrina, Michael, oggi vive a Cave poco distante dalla sua città natale, insieme alla moglie, Alessandra Branco (figlia del pluricampione del mondo dei Supermedi Silvio Branco). Michael è conosciuto come Leonwolf (lupo solitario in inglese), nomignolo che da ragazzo gli ha attribuito il padre proprio  perchè non era mai in compagnia di amici.

 

La sua carriera da pugile professionista è cominciata il 10 ottobre 2015, e successivamente ha girato l’Italia per combattere con alcuni pugili stranieri, soprattutto serbi. E’ stato per diverso tempo imbattuto e il 20 giugno 2018 ha vinto il titolo italiano vacante dei superpiuma: è il 36esimo italiano a vincere un mondiale. 

 

Ora, sta lottando per realizzare il suo sogno: combattere negli Stati Uniti e ha in programma due o tre match prima di una sfida mondiale con, in palio, la riunificazione del titolo iridato con altre sigle. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA