Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Michele Merlo, il papà Domenico in lacrime a Verissimo: «Per salvare mio figlio bastava un'analisi del sangue»

Sabato 21 Maggio 2022
Michele Merlo, il ricordo del papà domenico a Verissimo: «Poteva salvarsi»

Un dolore che durerà per sempre e la consapevolezza devastante che la tragedia si poteva evitare. A un anno dalla scomparsa di Michele Merlo, in arte Mike Bird, cantante di Amici, il padre Domenico ha ricordato l'amato figlio alla trasmissione Verissimo davanti al microfono di Silvia Toffanin. È la prima volta che Domenico parla in televisione dopo la morte del figlio. che ha colpito suo figlio. 

 

Gli ematomi, poi i sintomi: l'incubo di Michele 

Il papà di Michele ha raccontato la loro vita familiare prima della tragedia: Michele viveva a 5 km dalla casa dei genitori. Così il padre ha scoperto dei sintomi un po' in ritardo, quando erano in viaggio per accompagnare Michele alla registrazione del suo ultimo album:  «Ha detto che si era già fatto vedere, pensavamo fosse solo un ematoma. Però per scrupolo gli ho detto di rientrare il prima possibile, così siamo andati al pronto soccorso dove ha spiegato i sintomi. Dopo 3-4 ore non stava bene, aveva mal di testa sintomi importanti. La sera di quel giorno si è fatto vedere dal medico di famiglia che ha trattato una gamba con ematomi sparsi ovunque. Io penso che lì siano stati sottovalutati sintomi chiarissimi , lo dicono anche i medici legali. Michele aveva in corso una leucemia fulminante:  «Aveva una gamba nera dall'inguine ai piedi, aveva avuto mal di testa, sangue dal naso. Sarebbe bastata un'analisi del sangue per salvarlo». Una versione confermata anche dai medici legali che sostengono che sarebbe bastato un esame del sangue per salvarlo: «Aveva una probabilità dal 77% all’89% di guarire, in circa sei mesi, dalla malattia».

Riguardo all'inchiesta in corso sulla morte del figlio Domenico ha detto: «Non mi aspetto nulla dalla giustizia e non condanno l’errore umano, anche se mi ha devastato la vita. Non condanno il medico, che ha sbagliato, ma per errore. Ad oggi è ancora il nostro medico di famiglia».  

Il rapporto padre figlio

Commosso, ai microfoni della Toffanin Domenico ha ricordato il rapporto che lo legava al figlio: «Con lui ero un po’ duro perché provengo da una carriera militare, però nonostante, tutto ascoltava i miei consigli. Con la mamma invece si apriva molto, a lei raccontava anche le cose più intime». 

L'ultimo biglietto per il padre: «Grazie per le toppe che metti ai miei vestiti»

«Grazie per le toppe che metti ai miei vestiti pur dovendo andare via tu con i buchi. Sei una spada potente, un aereo che non mi fa paura. Proteggi sempre questo tuo ragazzo, buon compleanno papà Michele» Aveva scritto queste parole al padre, pochi mesi prima di morire Michele Merlo. «Michele era un ragazzo sportivo e non aveva mai avuto problemi di salute» ha specificato Domenico, che ha aggiunto «Era un grande artista, incompreso e un po’ burbero. Era un romantico ribelle. Fors e questo mondo non era per lui perché era troppo sensibile». 

Un concerto per Michele a sostegno della ricerca 

Il 6 giugno è in programma allo stadio comunale di Rosà (Vicenza) un evento per commemorare Michele promosso dall’associazione Romantico Ribelle, nata a sostegno della ricerca scientifica: “Con tanti amici e l’aiuto della Nazionale Cantanti, proveremo a ricordarlo attraverso la musica e il gioco. Vogliamo sempre celebrarlo e sostenere anche gli artisti che non hanno la possibilità di emergere”. 

 

Ultimo aggiornamento: 22 Maggio, 11:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento