Mike Bongiorno, parla la moglie Daniela Zuccoli: «Vi racconto i suoi ultimi giorni»

Domenica 3 Novembre 2019 di Valeria Arnaldi
Daniela Zuccoli e Mike Bongiorno

«Mi sembra di essere tornata a casa. È cambiato tutto, è diventato così grande». Daniela Zuccoli a Domenica Live ricorda Mike Bongiorno, nel decennale della scomparsa, anche con una serie di filmati inediti, privati, proposti dalla redazione.

LEGGI ANCHE Fiorello fa una sorpresa a Mara Venier a Domenica In per presentare Viva RaiPlay

«Mike mi ha chiesto di sposarlo sulla spiaggia, era il 1971 - racconta Daniela Zuccoli - Ci siamo sposati nel 1972. Esiste anche una foto del momento. Lui è venuto a trovarmi, dopo l’estate in cui ci siamo conosciuti ed era nata un po’ una storia d’amore, che non si poteva pensare sarebbe divenuta così lunga e seria. Mi ha chiamato, è venuto a trovarmi, abbiamo fatto una passeggiatina sulla spiaggia,lui si è fermato e mi ha detto che voleva sposarmi. Proprio in quel momento un amico è passato e ci ha scattato una foto».

Su domanda di Barbara D’Urso, Daniela Zuccoli confessa di parlare ancora con Mike. «Mike c’è, a volte dico delle cose che so che lui dice per me. So che c’è anche quando la gente mi stringe le mani e mi abbraccia. L’energia c’è».

Ripercorrendo la storia d’amore si parla anche del lavoro e della presenza, sempre sobria, della moglie di Mike, dietro le quinte. In ogni momento importante della vita la coppia è stata insieme. Anche l’ultimo giorno di vita di Mike.
 


«C’ero sempre, sempre un po’ nascosta - dice Daniela Zuccoli - la cosa incredibile e bellissima è che c’ero pure nel momento in cui lui è morto. Poteva capitare che fossi in un altro posto, invece ero lì. Gli ultimi tre giorni sono stati molto speciali».

Inizia così il racconto privato degli ultimi tre giorni di vita di Bongiorno.
«Il 5 settembre nostro figlio Leonardo compiva vent’anni, eravamo al lago, c’era una festicciola di ragazzi. Mike è voluto andare tre/quattro volte dai ragazzi e ha fatto un discorso profetico, bellissimo: “Non disperate mai nella vita, abbiate sempre la forza di reagire, se siete forti e combattete le difficoltà potete aver tutto". I ragazzi sono rimasti molti colpiti».
Il giorno dopo, un’altra emozione.
«Il 6 è nata Luce, la terza figlia di Nicolò. Le infermiere hanno fatto le foto a Mike davanti alla bambina. Ci sono stati grandi festeggiamenti».

Poi, i momenti finali. «Il 7 siamo partiti, lui aveva 85 anni ma viveva come un uomo di 60. Era felice, aveva un lavoro nuovo. Eravamo con amici a cena. La mattina dell’8, mi sveglia, di solito lo facevo io. Mi fa due grattini sulla testa, mi porta i giornali, mi dice: “Non ho dormito tanto bene, ma ora sto meglio, ordiniamo la colazione”. Abbiamo fatto colazione. Lui leggeva il giornale, io anche, ho pensato: “Ma come sto bene con lui”. Pensa, sentirlo ancora dopo quarant’anni! Non l’ho detto, però. Bisognerebbe sempre dire le cose quando si pensano. Poi è arrivata una foto di Luce sul cellulare. Lui dice: “Che bella, sembri tu quando prendi il sole”. Sono state le sue ultime parole. Siamo andati a prepararci, lui è andato in bagno, è caduto così, da vivo, non è mai morto. Nel decennale, tutti hanno parlato di lui come se fosse vivo».

Barbara D’Urso ricorda anche il momento in cui la bara di Mike è stata trafugata.
«Era una banda che non si aspettava tanto clamore - commenta Daniela Zuccoli - Il tutto è durato un anno. Fortunatamente ci hanno restituito la bara senza aprirla. Io però, dopo, non potevo più... lo abbiamo fatto cremare e ora Mike è con noi».
Si passa poi a parlare della carriera di Bongiorno.
«Mike è stato sessant’anni in televisione, tre generazioni. Ha attraversato la storia del Paese, le persone se lo ricordano come uno di famiglia».
Poi si guarda avanti, parlando dell’attività della Fondazione e della presentazione avvenuta a Monaco, alla presenza del principe Alberto, con la premiazione di Federica Gasbarro, studentessa impegnata contro il cambiamento climatico. A chiudere lo spazio della trasmissione dedicato a Mike Bongiorno è un filmato sulla sia vita e con un mazzo di rose rosse portato da Andrea Fabbricatore, campione di Rischiatutto.

Ultimo aggiornamento: 18:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA