Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Orsini fa ancora discutere: «La Seconda Guerra Mondiale? Non scoppiò per colpa di Hitler»

Sabato 30 Aprile 2022
Orsini choc: «La Seconda Guerra Mondiale? Non scoppiò per colpa di Hitler»

Continua a far discutere il professor Alessandro Orsini, che ormai quasi quotidianamente parla in tv del conflitto in Ucraina. Ieri sera Orsini era ospite alla trasmissione Accordi e Disaccordi, e ha dato la sua visione del momento in cui ci troviamo, commentando l'intenzione di Svezia e Finlandia di entrare nella Nato, un'eventualità che per Orsini è pericolosissima perché porterebbe a un'escalation che finirebbe con una guerra nucleare.

 

Orsini fa ancora discutere: «Fascismo? Mio nonno ha avuto un'infanzia felice»

 

«Una cosa su cui vorrei richiamare l'attenzione, sempre per fare l'esempio delle follie dette degli ultimi giorni, riguarda l'ingresso di nuovi Paesi nella Nato, un pericolo enorme per l'umanità», ha detto Orsini. «Per spiegarlo vorrei spiegare com'è scoppiata la Seconda Guerra Mondiale: a differenza di ciò che molti pensano, non è scoppiata perché Hitler a un certo punto deliberatamente ha deciso di attaccare Inghilterra, Francia, Polonia e Russia. Hitler non aveva alcuna intenzione di far scoppiare la Seconda Guerra Mondiale», spiega Orsini.

 

La tv russa simula un attacco nucleare: «A Parigi, Londra e Berlino in tre minuti»

 

«Quello che è successo è che i Paesi europei hanno creato alleanze militari che contenevano un articolo 5 della Nato, cioè un articolo che prevedeva, in caso di attacco di un Paese straniero, tutti i membri della coalizione sarebbero entrati in guerra», continua. «Quello che successe è che il 1 settembre del 1939 la Germania invase la Polonia, Inghilterra e Francia si erano alleate con la Polonia e si creò un effetto domino a cui Hitler non aveva interesse e che non si aspettava nemmeno che scattasse».

 

«I nostri leader mondiali sono dei pazzi che ci stanno portando verso il baratro - conclude nel suo intervento - quindi, chiarito che la Seconda Guerra Mondiale è scoppiata non perché lo ha deciso Hitler ma per via delle alleanze militari simili se non peggiori alla Nato, è chiaro che da un punto di vista probabilistico maggiore è il numero di Paesi vicini alla Russia che aderisce alla Nato, maggiore è la probabilità che scoppi un conflitto nucleare».

 

 

Ultimo aggiornamento: 1 Maggio, 19:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA