Propaganda Live, le parole di Diego Bianchi su Roberto Angelini: «Ha sbagliato tutto, ma è casa sua»

Sabato 22 Maggio 2021
Propaganda Live, le parole di Diego Bianchi su Roberto Angelini: «Ha sbagliato tutto, ma è casa sua»

Roberto Angelini ha deciso di prendersi una pausa da Propaganda Live e Diego Bianchi è intervenuto sulla polemica nella puntata di ieri. Il programma si è aperto proprio con un discorso di Zoro sul musicista: «Ha sbagliato tutto, ma qui è casa sua... Lo ha scelto lui, noi non siamo giudici di nessuno, quando vorrà questo è il suo posto e noi siamo qua».

 

Leggi anche > Meghan Markle, nuove dichiarazioni choc di Harry a Oprah Winfrey: «Non si è suicidata solo per me e il bimbo in grembo»

 

Propaganda Live, Diego Bianchi su Roberto Angelini

Il conduttore del programma, Diego Bianchi (Zoro) ha dedicato l'apertura alla vicenda che ha messo in imbarazzo la produzione dopo il rifiuto di Rula Jebreal. «Il nostro titolare della band è incappato in una spiacevole circostanza personale - ha detto Zoro - ma la cosa nulla ha a che fare con questo programma. Roberto ha sbagliato gravemente, ha continuato a sbagliare, tutti gli errori che poteva fare li ha fatti, come non fosse con noi da otto anni».

 

Propaganda Live, Diego Bianchi su Roberto Angelini

Roberto Angelini è finito al centro di una poleica perché per il suo ristorante avrebbe fatto lavorare in nero una sua amica. «Lui si è scusato più volte con la persona protagonista purtroppo di questa vicenda... Mi è molto dispiaciuto di quello che è accaduto, per la nostra storia, e lui ha deciso di stare a casa, fare un passo indietro, riporre la chitarra nella custodia. Abbiamo rispettato la sua decisione, non l'abbiamo presa noi, pur essendo noi i più incazzati di tutti non siamo i giudici di Roberto Angelini, né tantomeno i social. È un amico che ha sbagliato, ma lui sta su questo palco dalla prima puntata di questo programma e non lo dimentichiamo. Sta su questo palco dalla prima puntata di questo programma, quando vorrà questo è il suo posto e noi siamo qua».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA