Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Quattro Ristoranti, “agnolotti che sanno di sudore” con sputi nel piatto e commenti al vetriolo: caos nel programma di Borghese

Mercoledì 15 Dicembre 2021
Quattro Ristoranti, “agnolotti che sanno di sudore” con sputi nel piatto e commenti al vetriolo: caos nel programma di Borghese

Una puntata al vetriolo l'ultima di 4 ristoranti, il programma condotto da Alessandro Borghese su Sky Uno. Lo chef è ripartito con la nuova stagione da Asti con una puntata che ha scatenato molte polemiche a causa dei ristoratori particolarmente litigiosi e battaglieri. Le loro battute però hanno poi avuto conseguenze sui social.

 

Leggi anche > Miss Italia, finale rinviata a gennaio per Covid: due casi positivi tra le concorrenti

 

Lo scontro più grande, come riporta La Stampa, c'è stato tra Fassio, che gestisce il ristorante La signora in rosso assieme alla moglie Elena Romano, e Manuela Scavino, che con la sua Enoteca Gastronomica Civico 15 di Canelli ha vinto la puntata. Manuela ha trovato un capello nel piatto e da quel momento è partito lo scontro. «Quando abbiamo portato in tavola il piatto, il capello non c’era. Lo si vede benissimo dalla prima sequenza: com’è finito lì?», afferma Fassio in puntata e Manuela replica:  «Il capello c’era e se n’è accorto Borghese, non io. Non era il mio perché io sono bionda, era nero. Fabio poteva semplicemente cambiare il piatto e invece se l’è presa a morte».

 

Da quel momento Fassio è stato un fiume in piena anche verso gli altri colleghi: «Questi agnolotti di coniglio sanno di sudore di cane», riferendosi al piatto della chef Daniela Solive della Premiata osteria dei fiori, a Cortiglione. Ma ancora: «Era cruda, ho sentito scrocchiare sotto i denti e istintivamente ho sputato», riferendosi alle lumache mangiate nel locale  Le Tère Ruse di Mombaruzzo, di proprietà di Gregorio Pic, momento in cui ha proprio sputato nel piatto la pietanza.

 

Una situazione difficile da gestire, persino per Borghese, che sembra abbia espresso al sindaco di Canelli il suo disappunto per la rissosità dei ristoratori astigiani. Una puntata conclusasi tra molte polemiche che però sono continuate sui social dove molte persone hanno attaccato Fassio per il suo atteggiamento, ma in tutta risposta lo staff del ristorante ha scritto sui social: «Fabio non aveva una strategia… è proprio così e noi gli vogliamo bene. Veniamo dal teatro e il teatro è azione/reazione… non toccatelo nella passione per la sua terra e nella sua professionalità… lui reagisce. Per gli attacchi personali andate sulla pagina personale di Fabio, non venite a infangare il nostro meraviglioso posto di lavoro nel cuore dei bricchi. I commenti verranno rimossi. L’invito che vi facciamo è di venirci a trovare e a giudicare voi stessi dai fatti… il resto è all entertainment!!»

Ultimo aggiornamento: 18:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento