Rai Storia: Francesco de Core a «Il giorno e la Storia»

Il direttore de «Il Mattino» commenta le ricorrenze della settimana

Francesco de Core
Francesco de Core
Giovedì 7 Dicembre 2023, 20:26 - Ultimo agg. 20:34
3 Minuti di Lettura

Dal vertice di Maastricht al sequestro Dozier, passando per la strage di piazza Fontana, il “gran rifiuto” di Celestino V, le prime elezioni libere in Cile, la condanna a morte di Adolf Eichmann e la scomparsa di Pietro Tondelli. Fatti e personaggi legati alle ricorrenze della settimana dall’11 al 17 dicembre, scelte e commentate da Francesco de Core, direttore de “Il Mattino”, che torna come editorialista a “Il giorno e la Storia”, il programma di Rai Cultura firmato da Giovanni Paolo Fontana, in onda tutti i giorni alle 00.10 e in replica alle 8.30, 11.30, 14.00 e 20.10 su Rai Storia.

La settimana si apre lunedì 11 dicembre, giorno in cui, nel 1991, dodici Paesi della Cee varano il testo che avrebbe portato all’Unione europea e all’Unione monetaria.

Martedì si ricostruisce la strage – ancora impunita - di Piazza Fontana a Milano, nel 1969.

Una bomba all’interno della Banca Nazionale dell’Agricoltura uccide 17 persone e ne ferisce 88.

Mercoledì de Core ricorda il “gran rifiuto” di Celestino V, nel 1294. Dopo essersi tolto tutte le insegne papali, riveste la misera tonaca della sua congregazione.

Giovedì ricorre l’anniversario delle prime elezioni cilene libere, nel 1989, dopo 16 anni di dittatura di Pinochet. Vince Patricio Aylwin Azócar, candidato del centro-sinistra.

Venerdì si torna al 1961, quando a Gerusalemme viene condannato a morte il gerarca nazista Adolf Eichmann per crimini contro l'umanità.

Sabato è protagonista lo scrittore Pier Vittorio Tondelli morto nel 1991, a 36 anni, e considerato un simbolo della generazione del ‘77. Tra i suoi libri ci sono “Pao Pao”, “Rimini” e “Camere separate”.

La settimana del direttore de “Il Mattino” si chiude domenica 17 dicembre con il sequestro del generale della Nato James Lee Dozier, rapito nel 1981 a Verona dalle Brigate Rosse. Sarà liberato il 28 gennaio dai reparti speciali dei Nocs.

© RIPRODUZIONE RISERVATA