Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Red Canzian, la confessione a Verissimo: «Ho rischiato di morire, stavolta sì»

Sabato 30 Aprile 2022
Red Canzian

«Sto bene e voglio dirlo forte: superata». Red Canzian, l'ex bassista dei Pooh, torna a Verissimo il talk show di Canale 5, per raccontare a Silvia Toffanin come ha vissuto ed è riuscito a superare il grave problema di salute avuto nei mesi scorsi quando è stato ricoverato all'ospedale Ca' Foncello di Treviso per una infezione che ha rischiato di generare una setticemia. «Per i primi quindici giorni non si capiva cosa fosse. Ho rischiato di morire, stavolta sì. Ma penso che ci sono talmente tante cose belle da fare che non abbiamo tempo per morire, almeno per ora» ha detto Canzian. 

Video

 

 

«Il 2 gennaio durante la notte sono stato male,- ha raccontato l'artista - il giorno dopo sono caduto. Pensavamo fosse Covid, ma i tamponi erano tutti negativi. Ero cosciente ma sparlavo. Non mi sono mai drogato, ma credo possa essere simile: vedevo fiori alle pareti. Mia moglie mi ha fatto ricoverare giustamente. E lì è iniziato un calvario durato due mesi. Credo al pensiero positivo e credo che l’amore della gente che ha pregato per me, le preghiere sono dei mantra che gira nell’aria ed è arrivato tutto. Mi dispiace solo che faccio spaventare la mia famiglia».

 

«Un batterio entrato chissà da dove nel mio corpo: hanno dovuto aprirmi e lavare tutto. Il destino la vita certe prove le dà, le richiede, a chi può superarle. C’era una crudeltà in tutto questo - ha proseguito Canzian - perché io ho lavorato tre anni al progetto di Casanova e il giorno che sono iniziate le prove genereli mi sono ammalato: mi sembrava un dispetto. Mia moglie Bea ha seguito lo spettacolo e suo marito. Era molto preoccupata perché pensava di perdermi. Per i primi quindici giorni non si capiva cosa fosse. Ho rischiato di morire, stavolta sì». 

 

 

Nonostante l'assenza della sua "guida" lo spettacolo Casanova ha fatto 30 date e tornerà in scena in autunno. Questa estate Canzian tornerà a cantare? «Io non vedo l’ora, io mi sento "in bolla" quando sto sul palco. Mi piace comunicare e condividere quello che provo. È il mestiere più bello del mondo» ha concluso Canzian.

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA