Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sarah Ferguson a Oggi è un altro giorno: «Con Andrea la coppia divorziata migliore che esista»

Mercoledì 15 Dicembre 2021
Sarah Ferguson ospite di Serena Bortone a Oggi è un altro giorno su RaiUno

Sarah Ferguson ospite di Serena Bortone a “Oggi è un altro giorno” su RaiUno. La duchessa di York Sarah Ferguson ha da poco presentato il suo primo libro storico, “La bussola del cuore”.

 

 

 

 

Sarah Ferguson ospite di Serena Bortone a “Oggi è un altro giorno” su RaiUno

 

 

Sarah Ferguson a “Oggi è un altro giorno”

 

 

Sarah Ferguson ospite di Serena Bortone a “Oggi è un altro giorno” su RaiUno ha dato qualche particolare sul suo ultimo romanzo, “La bussola del cuore”: «Ho dato voce a una mia antenata Lady Margareth – ha raccontato - e ho aggiunto la mia personalità. Ho raccontato la sua storia attraverso le mie esperienze. Questa sarà una saga, è un primo libro. Ho scritto durante la pandemia, mi sono rifugiata fra le pagine ma oggi c’è bisogno di speranza e ribellione».

 

La duchessa di York ha poi parlato del suo matrimonio con il principe Andrea, durato 6 anni: «Lo strascico era lunghissimo, l’ho trascinato per tutta l’abazia, era di 7 metri. E’ stata una giornata indimenticabile. Ci siamo lasciati, ma siamo ancora insieme, viviamo nella stessa casa, siamo ottimi genitori per i nostri figli e nonni per i nipoti. Il matrimonio è matrimonio, ma noi stiamo facendo ancora meglio perché siamo la coppia divorziata migliore che esista. La favola non è finita, è semplicemente una favola diversa».

 

Sarah Ferguson ha poi ricordato Lady D: «Ogni volta che vedo una sua immagine so che mi sta parlando, era in grado di dirmi cose senza muovere la bocca. Quando eravamo agli eventi pubblici mi riferiva cose divertenti e mi faceva ridere, così mi riprendevano. Sarebbe molto contenta dei suoi figli e dei nipoti. Quando ho saputo della sua morte ero in Toscana, da amici italiani molto cari che mi hanno permesso di essere me stessa».

 

Un accenno anche alla regina Elisabetta: «Per me è la leggenda, la figura più iconica. Ogni giorno va al lavoro, a capo del suo paese, non ci sono parole per descriverla. Non passeremo però il Natale insieme, perché una volta che si è divorziati non si è più invitati della famiglia reale. Andranno le mie figlie, non passa le feste con loro da 26 anni».

Ultimo aggiornamento: 18:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento