Selvaggia Lucarelli parla del suo amore tossico: «La mia droga era quella relazione»

Domenica 21 Marzo 2021
Selvaggia Lucarelli parla del suo amore tossico: «La mia droga era quella relazione»

Selvaggia Lucarelli racconta la sua dipendenza da un amore tossico. La giornalista e scrittrice nel podcast «Proprio a me» parla di un amore sbagliato che paragona a une vera e propria dipendenza, come se si trattasse di una droga, specificando però che al posto di "farsi" di eroina si lasciava travolgere da questo rapporto.

 

Leggi anche > Maria Monsè risponde a Selvaggia Lucarelli per le foto hot con la figlia quattordicenne: «Rapporto sano.. ringrazia Barbara D'Urso»

 

Selvaggia in un podcast di sei puntate racconta la sua relazione tossica che da mercoledì sarà disponibile su tutte le app free. Si tratta del racconto di una storia sbagliata con un uomo che le ha fatto perdere fiducia in se stessa e le ha spento tutta la sua bellezza interiore e non. Selvaggia tiene a sottolineare che quando si vivono queste relazione non ci si trova in un rapporto infelice ma si vive una vera e propria malattia. 

 

Per anni ha scelto di non parlare di questa relazione, poi durante l'intervista con Daria Bignardi si è aperta e ha capito che parlandone si sarebbe liberata da quel dolore. Selvaggia ha ammesso di essersi trasferita a Milano per amore e di aver poi sentito il bisogno di "guarire" da quell'amore.  Il suo più grande rimprovero di quegli anni è legato al figlio, come spiega a Il Corriere della Sera: «Il mio rimpianto più grande è di avere perso con mio figlio almeno tre anni, perché forse l’ultimo è stato un po’ più di guarigione. Mi sono persa tre anni di maternità felice. Non che non abbia dato priorità a mio figlio: non ho mai pensato di lasciarlo al padre e di non prendermene cura. Ma non ho dato priorità alla sua felicità. Quando sei vittima di una dipendenza la priorità è avere la dose».

 

Selvaggia spiega come non abbia descrittto questa storia con vittimismo chiarendo di aver avuto la sua responsabilità in questa relazione tossica:  «lui si è infilato in una serie di mie pieghe e lati irrisolti. È stato un incontro sfortunato e io ho amplificato in questa relazione tutte le mie problematiche». Poi confessa di non aver fatto una terapia vera e propria ma la definisce "fai da te", consigliando però a tutte le donne che dovessero riconoscersi in questa sua dinamica di farsi aiurare da esperti. 

Ultimo aggiornamento: 16:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA