Sense8, ciak in via dei Tribunali a Napoli per la serie fantascientifica

Venerdì 27 Ottobre 2017
Sense8, ciak in via dei Tribunali a Napoli per la serie fantascientifica

«Sense8», ciak in via dei Tribunali a Napoli per la serie serie fantascientifica che conta centinaia di appassionati da tutt’Italia- Tra i protagonisti e i componenti del cast tecnico, saranno trecento le persone in arrivo in città.
 



Anche la stazione della metropolitana di Mergellina farà da set ad alcune scene. Il Comune ha istituito un nuovo dispositivo di traffico temporaneo, stabilendo per giovedì 26, dalle 7 alle 20, la sospensione al corso Vittorio Emanuele, nella corsia di fronte all’uscita della stazione, dell’area di sosta destinata ad auto e taxi.

Altri dieci giorni di riprese, da mercoledì 25 a sabato 4 novembre, si svolgeranno tra piazza Carlo III e piazza Cavour. L’episodio conclusivo di «Sense8» sarà pubblicato su Netflix nel 2018.
 
 

Tra la Campania e «Sense8», d'altronde, il colpo di fulmine era scattato già ad aprile dello scorso anno, quando le due cineaste transgender statunitensi Lana e Lilly Wachowski, già Larry e Andy (cioè le menti creative di «Matrix»), scelsero Positano e la Costiera amalfitana per girarvi un episodio della seconda stagione, quella che avrebbe dovuto chiudere la serie e che, invece, fece esplodere violente polemiche tra i fans a causa di un finale che lasciava aperte tutte le trame.

Proprio le forti proteste degli appassionati, con centinaia di petizioni on line e persino qualche minaccia ai vertici di Netflix, hanno convinto i produttori a mettere in cantiere l'episodio extralarge (in onda nel 2018) destinato a portare a compimento la narrazione di «Sense8». A scriverlo sono Lana Wachowski, David Mitchell e Aleksander Hemon, mentre il co-creatore J. Michael Straczynski partecipa al progetto soltanto come produttore esecutivo. La serie racconta le intricate vicende di otto sconosciuti, provenienti da diverse parti del mondo, improvvisamente connessi l'uno con l'altro tramite telepatia. Appartenenti a culture, religioni e orientamenti sessuali differenti, gli otto scoprono di essere «sensate», senzienti (da cui il gioco di parole del titolo), cioè individui con elevato livello di empatia capaci di sviluppare una connessione psichica profonda con un numero ristretto di propri simili. Il gruppo di senzienti deve sfuggire a un'organizzazione segreta che dà la caccia a loro e a tutte le persone dotate delle medesime capacità. E chissà che la parola fine a questo conflitto non venga messa proprio a Napoli.

Nel cast della serie, estremamente corale, ci sono Naveen Andrews, Daryl Hannah, Brian J. Smith, Freema Agyeman, Tina Desai, Bae Doona, Max Riemelt, Alfonso Herrera, Erendira Ibarra, Jamie Clayton, Miguel Angel Silvestre (che nei giorni scorsi ha postato su Instagram un foglio di lavorazione con l'elenco delle nuove location), Tuppence Middleton, Terrence Mann e Aml Ameen, quest'ultimo poi sostituito da Toby Onwumere. Già nel corso della seconda stagione, tra l'altro, c'era stato un primo indizio del prossimo arrivo della serie a Napoli, attraverso l'introduzione del personaggio di una «sensate» italiana, Lila Facchini, interpretata da Valeria Bilello e definita, nel corso di uno scambio di battute, «non italiana, ma napoletana».

Ultimo aggiornamento: 20:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA