Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Stranger Things 4, è record assoluto: 7,2 miliardi di minuti di streaming. E l'uscita del volume 2 manda in tilt Netflix

Sabato 2 Luglio 2022
Stranger Things 4, è record assoluto di streaming. E l'uscita del "volume due" manda in tilt Netflix

Stranger Things batte tutti i record. La serie dei fratelli Duffer, secondo i dati Nielsen, ha raggiunto 7,2 miliardi di minuti di visione per la settimana fino al 5 giugno, record assoluto dall'avvento quasi due anni fa dei rating settimanali per lo streaming. E con l'uscita del "volume due" della quarta stagione i numeri sono destinati a crescere ulteriormente.

I dati Nielsen riguardano solo gli Stati Uniti e solo i minuti davanti a uno schermo tv, non su computer tablet o cellulare. La quarta stagione ha debuttato il 23 maggio: è diventata la serie di Netflix in inglese più popolare di sempre con 781 milioni di ore di visione nel corso delle prime tre settimane dopo l'uscita delle prime sette puntate.

 

Netflix down dopo l'uscita del "volume 2"

Stranger Things ha mandato in tilt Netflix quando alla mezzanotte di Los Angeles del 30 giugno sono uscite in streaming le ultime due puntate. Troppi utenti in un breve spazio di tempo hanno fatto collassare la piattaforma con oltre 14 mila interruzioni secondo il servizio di monitoraggio globale Downdetector.

 

Stranger Things 4, volume due: cosa aspettarsi (senza spoiler)

Quattro ore di televisione, di cui due ore e mezzo nell'ultima puntata: più lungo di Apocalypse Now, il "volume due" rappresenta una sfida alla resistenza davanti allo schermo della generazione TikTok, ma a giudicare dai primi dati di pubblico, ne valeva la pena. Senza riprendere gli spoiler pubblicati dai media Usa su chi muore e chi resta nell'odissea degli amici del cuore separati alla fine della terza stagione, le scene finali tornano a Hawkins in un preludio della prossima e ultima serie di puntate: in cui - hanno rivelato i Duffer - si esplorerà l'origine del Sottosopra aperto da Undici (Millie Bobby Brown) durante la quarta stagione quando nel 1979 spedisce Henry Creel (alias 01, interpretato da Jamie Campbell Bower, che poi diventa il demone Vecna col supporto di 25 pezzi di silicone e latex applicati sulla pelle con un adesivo usato in chirurgia) nel mondo apocalittico sotto Hawkins. "Volume due" si apre con Undici che scopre di non essere il mostro.

La ragazzina capisce fino in fondo la sua relazione con il sadico dottor Brenner (Matthew Modine) e con Henry e sceglie di affrontare il loro piano omicida di evasione dal Sottosopra. Esplora la storia di Max (Sadie Sink) e come l'incontro con Vecna abbia cambiato la ragazzina. Mike continua a far da spalla all'amico Will e a Undici quando nel finale i tre personaggi si ritrovano.

L'ultima parte della quarta stagione di Stranger Things usa il tempo di Hopper (David Harbour), Joyce (Winona Ryder) e Murray (Brett Gelman) in Siberia (in realtà le scene sono state girate in Lituania) per alludere a cose che potrebbero succedere nella quinta stagione. Come per Hopper, la possbilità di morire in battaglia fa esprimere una riflessiva sensibilità a Dustin (Gaten Matarazzo), Eddie (Joseph Quinn), Nancy (Natalia Dyer) e Steve (Joe Keery) che accompagna la loro uscita dall'Apocalisse.

Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 09:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA