Finto Rom, Striscia smaschera Quinta Colonna:
e Mediaset licenzia l'autore del servizio -Video

Mercoledì 13 Maggio 2015
MILANO - Mediaset ha «interrotto ogni rapporto professionale» con il giornalista Fulvio Benelli, nei confronti del quale valuta «le opportune iniziative legali», per due servizi 'taroccati' andati in onda rispettivamente a Quinta colonna il 27 aprile 2015 e a Dalla vostra parte il 3 aprile.

Lo annunciano Claudio Brachino, direttore Videonews, e Mario Giordano, direttore Tg4, responsabili dei due programmi. Il caso era stato denunciato da Striscia la notizia.



IL SERVIZIO DI STRISCIA (VIDEO)



«Da oggi abbiamo interrotto ogni rapporto professionale e valuteremo le opportune iniziative legali nei confronti del giornalista Fulvio Benelli - spiegano Brachino, direttore di Videonews e responsabile di Quinta colonna, e Giordano, direttore del Tg4 e responsabile di Dalla vostra parte - responsabile dei due servizi 'Truffatore rom: così rubo le macchine agli italiani' (VIDEO) e 'Sono d'accordo se fanno lo sterminio' andati in onda rispettivamente su Quinta colonna (27 aprile 2015) e su Dalla vostra parte (3 aprile 2015). Come denunciato da Striscia la notizia il soggetto intervistato è la stessa persona che ha 'interpretato' il ruolo di truffatore rom e di estremista musulmano senza essere né l'uno né l'altro».



«Con questi servizi - sottolineano Brachino e Giordano - Benelli ha ingannato la buona fede delle nostre testate, rischiando di recare un grave danno al lavoro sempre corretto e professionale della redazione e dei colleghi. La nostra credibilità nell'approfondire fatti e notizie è nota al pubblico, che non a caso sta attribuendo grande successo a entrambi i programmi. E per fortuna esistono gli anticorpi per individuare ed espellere chi, a questa credibilità, attenta in qualsiasi modo».



Aggiunge il conduttore di Quinta colonna e di Dalla vostra parte, Paolo Del Debbio: «Siamo sempre stati chiari e onesti con i nostri telespettatori e continueremo ad esserlo. Perché vogliamo stare in mezzo alla gente, vogliamo raccontare i problemi del Paese con impegno e serietà, come abbiamo sempre fatto, senza lasciare spazio alcuno a chi tradisce la fiducia nostra e quella del pubblico».Ultimo aggiornamento: 16 Maggio, 16:58