«La patata bollente», il nuovo talk show con Magda Mancuso e Carolina Brunaccini

Il nuovo format Tv andrà in onda a partire dal 27 febbraio, tratterà di cultura, spettacolo ed intrattenimento

Le conduttrici del nuovo format
Le conduttrici del nuovo format
Lunedì 26 Febbraio 2024, 11:00 - Ultimo agg. 15:39
2 Minuti di Lettura

Ha per titolo «La patata bollente» il nuovo format tv, in onda dal 27 febbraio 2024, ogni martedì sera alle 21 sul canale «Gt Channel» (visibile in Campania e Basso Lazio sul 117 del digitale terrestre) condotto da Magda Mancuso e Carolina Brunaccini.

Si tratta di un talk-show di cultura, spettacolo ed intrattenimento, arricchito con tre rubriche: «Guida alla lettura» (che nella prima puntata ospita la scrittrice Alessandra Mascia con il suo libro «L’anima tattile»), «L’occhio sul sociale» (con ospite Gioacchino Di Capua, vicepresidente nazionale «A.Ge Associazione genitori» e presidente della sezione di Acerra) e «L’angolo della pizza», che vedrà protagonista per tutte le puntate il maestro pizzaiolo Pasquale Damiano.

Ogni settimana in studio è prevista la presenza di tre ospiti che discuteranno un argomento, “contrastati” dagli opinionisti Adriana Mascia (“l’irriverente”) e Diego Paura (“il diplomatico”). La colonna sonora del programma è curata dal maestro Antonio Petrosillo al pianoforte.

Video

La prima puntata, in onda martedì 27 febbraio 2024, è dedicata alla musica e alla cultura partenopea, sono ospiti i cantanti Antonello Rondi, rappresentante della canzone classica napoletana, e Rico Femiano, interprete di quella moderna, l’autore di canzoni Bruno Lanza e i giornalisti Antonio D’Addio e Giuseppe Giorgio. Non manca, ovviamente, la presenza di due belle e simpatiche vallette, Sharon Esposito e Genny Muca. Hair stylist, Claudio De Martino, make up artist, Mary Esposito. Gli abiti delle conduttrici sono dell’Atelier Ketty di Caterina De Maria, con sede ad Acerra. Fotografo ufficiale del programma è Alfredo Coppola. La direzione artistica è di Diego Paura, la regia televisiva di Mario Albano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA