«The Voice» a rischio, la Rai non vuole Sfera Ebbasta. E Fremantle si sfila dal talent

Caos a
ARTICOLI CORRELATI
Morgan, Gué Pequeno ed Elettra Lamborghini sono i giudici di The Vioce, il talent prodotto da Fremantle e Talpa Media Italia, che dovrebbe iniziare su Rai2 il 16 aprile. Ma Fremantle, a quanto si apprende si sarebbe sfilata dal progetto dopo che ieri era trapelata la perplessità della Rai sulla partecipazione di Sfera Ebbasta al talent come quarto giurato. E questo, anche perché la trattativa con Sfera e con gli altri coach, fanno notare fonti della società di produzione, era stata fatta in accordo con la Rai.
 

Non a caso per questa mattina era previsto uno shooting fotografico a Milano con la conduttrice e la squadra di giudici al completo. Ieri il ripensamento su Sfera Ebbasta, chiesto da Salini perché, dopo la strage nella discoteca di Corinaldo, il rapper non aveva fornito chiarimenti ai parenti delle vittime che lo avevano accusato di non mostrare cordoglio di fronte alla tragedia, anzi aveva risposto di voler andare avanti sulla sua strada. A destare perplessità - secondo fonti di Viale Mazzini - anche i testi delle canzoni. The Voice of Italy è un format Talpa Global, che la Rai aveva annunciato come prodotto da Rai2 con Wavy, una unit di Fremantle.

«Morgan, Elettra Lamborghini, SferaEbbasta e Gue Pequeno, pagati profumatamente dalla televisione di Stato per giudicare gli artisti in gara a The Voice? No, grazie. Per fortuna alla Rai devono essersi resi conto che i nomi proposti sono davvero troppo lontani dal talento canoro necessario per far parte della giuria dello show». Lo dichiara in una nota il deputato della Lega Paolo Tiramani, capogruppo vigilanza Rai.

«Imbarazzante per non dire inaccettabile - prosegue Tiramani - anche questa scelta del direttore della seconda rete nazionale, Carlo Freccero, che avrebbe aggiunto un altro programma deludente all'interno di un palinsesto che non convince e soprattutto che continua a non superare le prove Auditel. Se, come sembra, la trasmissione salterà per la scelta dei coach, consiglio a Freccero ed agli autori del programma quantomeno di affidare la futura giuria del talent ad un valido cantante italiano e non a giovani concorrenti di reality».
Giovedì 21 Febbraio 2019, 16:39 - Ultimo aggiornamento: 21-02-2019 16:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP