Un posto al sole, Alberto Rossi torna a casa: «Ma era necessario un distacco tra Silvia e Michele»

Alberto Rossi
Alberto Rossi
di Emma Onorato
Sabato 9 Aprile 2022, 11:32 - Ultimo agg. 11:40
5 Minuti di Lettura

Dopo tre mesi lontano dal set, anche Alberto Rossi è tornato a vestire i panni di Michele Saviani, l'amato giornalista di Un posto al sole che - nella soap - per motivi di lavoro era dovuto partire per Milano. Una partenza che aveva allarmato i suoi fan generando un certo scalpore sui social: «Io avevo postato un paio di video su Instagram dove spiegavo che non potevo dare notizie importanti per motivi contrattuali». Anche dopo un'uscita gli attori non possono spoilerare nulla: «Questo ha decisamente destabilizzato i miei fan che però mi hanno supportato». L'attore ammette che non è stato affatto facile affrontare questo periodo di pausa dal set: «È stato un periodo particolare. Tra i mesi di pieno inverno, e la pandemia, è stata davvero dura». Durante questo intervallo di tempo lontano da Upas, si è dedicato alla famiglia, alla figlia, e ha rimesso al centro il proprio benessere. Così, tra un allenamento e l'altro, Alberto è tornato sul set con un look del nuovo: non solo ha perso 10 kg, ma ha anche optato per un taglio di capelli più sbarazzino.

A quanto pare è stato un distacco non solo utile per rigenerarlo, ma anche necessario per motivi di sceneggiatura: «Dopo tutta la storia che abbiamo vissuto io e Silvia, un allontanamento, a livello di sceneggiatura, poteva dare respiro e agio a questa coppia. Devo dire che abbiamo avuto una storia molto forte che forse - per certi versi - è anche un po' scoppiata tra le mani degli scrittori che si sono ritrovati del materiale artistico riguardo a quello che abbiamo prodotto io e Luisa Amatucci. Però c'è un momento nel quale è necessario un distacco. E ora vediamo cosa succede con il mio ritorno». E di certo non è stato un ritorno goliardico quello di Michele Saviani che, una volta rientrato a Napoli, si è visto costretto a prendere una decisione alquanto sofferta riguardo il suo matrimonio con Silvia Graziani. L'attore per motivi di contratto non può dare molte anticipazioni, inoltre c'è anche da dire che Alberto sposa perfettamente questo tipo di vincolo contrattuale perché ha un approccio giornaliero alla sceneggiatura di Upas: «Non mi piace sapere più di tanto, leggo le scene giornalmente nel momento in cui mi vengono consegnate». Il motivo? «Voglio essere sempre sorpreso dalle battute che devo recitare. Quindi non leggo nulla in anticipo e non chiedo mai più di tanto agli scrittori». Preferisce di gran lunga farsi trasportare dalle emozioni che di volta in volta gli regala la sceneggiatura, senza curiosare troppo su quello che accadrà nella serie televisiva. Di certo la smania di sapere tutto e subito non gli appartiene.

Video

Il suo è indiscutibilmente uno tra i volti più "fedeli" di Un posto al sole: «Qui ho trascorso quasi più della metà della mia vita». Poi racconta: «Quando ho iniziato ho avuto la fortuna di avere un fratello che lavorava in un giornale, non come giornalista ma nella parte finanziaria, e gli ho chiesto di incontrare alcuni dei suoi redattori. Così ho creato il mio personaggio». Una fonte d'ispirazione che l'ha aiutato a perfezionare e conquistare in modo crescente la sua fetta di telespettatori. E si può dire che mentre vestiva i panni del giornalista Michele Saviani, il set di Un posto al sole l'ha visto cresce, diventare uomo e formare famiglia. Anche il personaggio interpretato nella soap sembra averlo seguito nel suo percorso di crescita personale e professionale: «Michele mi ha accompagnato e continua ad accompagnarmi. Mi ha anche aiutato. Mi è servito». «In quasi 30 anni di Un posto al sole ho avuto la possibilità, con un unico personaggio, di fare una serie infinita di cose: affrontare situazioni sentimentali, professionali, genitoriali, amicali: un po' di tutto». Ed «è inevitabile che ci siano degli aspetti di Michele che mi appartengono, però quando svesto i suoi panni, li lascio in camerino, e vesto i miei». Perché «il personaggio lo vivi e lo crei solo nel momento in cui deve essere creato».  

Guardando all'avvenire e ai suoi progetti: «Di cose ne ho fatte, poi però mi sono detto: perché spingere più di tanto? Poi rischi di aggrovigliarti come le eliche che finiscono per girare a vuoto. Così mi sono ripetuto: fai bene quello che fai. Se poi capiteranno altre cose sarà ancora meglio, ed ovviamente mi opererò per farle capitare, ma se non capitano va bene così. Per ora sono un privilegiato, e se sono rimasto per più di 26 anni, vuol dire che qualcosina l'ho saputa fare», conclude con ironia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA