Al Coni Campania la festa
della scherma tra applausi e premi

Sabato 14 Dicembre 2019 di Diego Scarpitti

Applausi e premi. Dalla pedana il movimento campano saluta il 2019, denso di successi nazionali e internazionali, e guarda con ottimismo al 2020, anno delle Olimpiadi di Tokyo. E proprio la consegna del «Distintivo d'Onore» per meriti sportivi all'olimpionico napoletano Marco Romano, argento a Mosca’80, ha impreziosito la «Festa regionale della Scherma 2019», tenutasi nella sede del Coni, in via Alessandro Longo. Cerimonia di premiazione dei migliori atleti della scorsa stagione nel circuito under 14 e i rispettivi maestri e istruttori nella tradizionale kermesse promossa da FederScherma Campania, presieduta da Matteo Autuori. Al suo fianco il vicepresidente del comitato regionale, Aldo Cuomo, i consiglieri Vincenzo Vigilante e Vincenzo Agata, e il delegato Coni Napoli, Agostino Felsani. 
 

 

«La Festa della Scherma rappresenta la chiusura di un anno molto intenso, ricchissimo di appuntamenti su più fronti, tanti impegni che hanno confermato la qualità del movimento regionale. Nel premiare la meglio gioventù della Campania, i ragazzi under 14 che si sono fatti valere nel circuito del Gran Premio Giovanissimi, è impossibile non tornare per un attimo indietro nel tempo, allo scorso luglio, e ricordare il successo, organizzativo prima che sportivo, avuto dalla scherma nell'Universiade Napoli2019», ha affermato soddisfatto Matteo Autuori, presidente FIS Campania.
 
«Spettacolari le cornici di pubblico al PalaCus di Baronissi, che hanno accompagnato l'Italia alla vittoria. Sul podio nelle prove a squadre due atleti campani: l'oro della sciabolatrice Rebecca Gargano e il bronzo dello spadista Valerio Cuomo, imprese che resteranno impresse negli occhi e nella mente. Momenti da custodire con orgoglio e che ripagano degli sforzi compiuti».
 
Si riparte da quanto di buono e notevole mostrato al mondo. «Avremo ancora molto da fare per i nostri under 14 e per i più grandi in questo anno olimpico, che ci fa pensare a Rossella Gregorio e Luca Curatoli, in corsa con le rispettive Nazionali azzurre per la qualificazione a Tokyo 2020. Sono l'apice del nostro movimento, mentre qui c'è il cuore pulsante, l'entusiasmo dei nostri ragazzi del GPG, guidati da una classe magistrale di prim'ordine, la vera certezza per il futuro della scherma italiana. E’ doveroso, infine, un plauso alle famiglie dei nostri atleti», conclude il presidente Auturori, evidenziando il costante e prezioso impegno delle famiglie. «I sacrifici dei genitori, che sostengono la passione dei propri figli lasciandosene travolgere, rientrano di diritto tra i grandi segreti dei successi ottenuti dalla scherma».
 
Lunga e nutrita la lista degli atleti premiati in occasione della «Festa Regionale della Scherma 2019»: Niccolò Intertaglia (Giannone Caserta); Carlotta Parisi e Arianna Franco (Circolo Posillipo); Ludovica Di Martino (Club Scherma San Nicola), Louna Maiga (Club Schermistico Partenopeo); Maria Fusco e Giulia Grimaldi (Club Scherma Napoli); Sara Pendenza, Eugenia Ottaviano, Angelica Fimiani, Martina Russo e Giuseppe Cupo (Club Scherma Salerno); Ilaria Calviati, Francesco Albino, Guido De Rosa, Massimo Sibillo, Lorenzo Viscardi, Lorenzo Madonna, Mario Leonessa, Mariella Viale, Chiara Resciniti, Morena Manzo, Antonio Aruta, Marco Stigliano, Salvatore Lazzaro, Giuseppe Calviati e Michele Petruzzelli (Champ Napoli).
 
Riconoscimenti consegnati anche ai maestri Ewa Borowa (Giannone Caserta), Paola Della Corte (CS Partenopeo), Raffaello Caserta (CN Posillipo), Massimo Cavaliere (CS Napoli), Rosanna Pagano (CS Salerno), Mario Renzulli (CS San Nicola), Marco Autuori (CS Salerno), Irene Di Transo (CN Posillipo), Leonardo Caserta (Champ) e Luigi Tarantino (Champ).

Si chiude nel migliore dei modi il 2019, con la speranza non recondita di ben figurare nel 2020.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA