Zynab Dosso, la velocista italiana insultata per strada: «Mi hanno detto sporca negra e nessuno ha reagito»

L'atleta ha raccontato il suo stato d'animo su Instagram: «Sono scioccata, alcuni addirittura ridevano. E nel giorno del trasloco ci hanno tirato contro un sasso»

La velocista azzurra Dosso insultata per strada: «Mi hanno dato della p... e nessuno ha reagito»
​La velocista azzurra Dosso insultata per strada: «Mi hanno dato della p... e nessuno ha reagito»
Lunedì 17 Ottobre 2022, 15:40 - Ultimo agg. 18 Ottobre, 09:22
3 Minuti di Lettura

Dopo il caso di Paolo Egonu, un'altra stella dello sport azzurro racconta dei suoi recenti problemi con il razzismo. Zaynab Dosso, 23 anni, medaglia bronzo negli ultimi Europei di atletica nella 4x100, ha raccontato su Instagram di aver subìto un'aggressione verbale a Roma. «Insieme ad altri atleti decidiamo di passare una serata in compagnia. Andiamo a bere in un bar, poco dopo passa una signora e ci chiede qualche moneta. Le rispondiamo che ci dispiaceva ma non avevamo nulla. Lei sotto voce mi insulta: "Putt... straniera". Le chiedo di ripetere e aggiunge: "Putt... straniera, sporca negra. Torna al tuo Paese. Nessuno mi ha difeso. Questa storia mi ha stravolto, ho il cuore spezzato, mi sento violata».

La velocista è nata in Costa d'Avorio ma a partire dal 2009 si è trasferita a Rubiera (Reggio Emilia) per raggiungere i genitori arrivati in Italia nel 2002. Ha ottenuto la cittadinanza nel 2016. 
La Dosso ha continuato a raccontare il suo stato d'animo: «Sono scioccata del fatto che tutti quelli intorno a noi sono rimasti in silenzio, altri addirittura ridevano». In un'intervista a La Stampa, l'azzurra ha confessato di avere il cuore spezzato e ha definito l'episodio come il più duro atto di razzismo subìto in pubblico assieme a quanto accaduto in occasione del trasloco nella sua nuova casa, in presenza della sorella e delle amiche: «Ci hanno tirato un sasso dal balcone per spaventarci. Sarebbe bello se chi ha vinto le elezioni desse un segnale forte contro il razzismo»

© RIPRODUZIONE RISERVATA