Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Automobilismo sportivo a Napoli
chiuso il corso: abilitati 23 ufficiali gara

Mercoledì 9 Marzo 2022
Automobilismo sportivo a Napoli chiuso il corso: abilitati 23 ufficiali gara

Si è concluso il corso di qualificazione per ufficiali di gara ACI, realizzato dall'Automobile Club Napoli per formare figure indispensabili ai fini dell'organizzazione delle gare motoristiche, con compiti di controllo e sorveglianza a seconda della qualifica conseguita. A seguito degli esami previsti al termine del corso, articolato in tre lezioni, sono stati abilitati, complessivamente, 23 nuovi ufficiali di gara.

Tutti e 23 hanno conseguito la qualifica di commissari di percorso; di questi 3 anche quella di verificatori sportivi e 12 di verificatori tecnici. Questi i neo ufficiali di gara abilitati: Errico Barile, Emilio Barone, Giacomo Battipaglia, Antonio Benformato, Vincenzo Cappella, Aniello Cassese, Assunta Corrado, Stefano D'Ammassa, Nunzio De Martino, Marilena Diodato, Yurt Fasano, Pasqualino Guarnieri, Vincenzo Iannone, Domenico Lanaro, Emanuele Gallifuoco, Luca Masiello, Domenico Masiello, Daniele Pergamo, Fortunato Serio, Emilio Maffei, Pietro Rossi, Vincenzo Severino e Vincenzo Vocca.

Video

«Siamo soddisfatti per la partecipazione, anche femminile, e l'interesse mostrato dai giovani candidati alle materie del corso, a conferma che la passione per questo sport è viva» dichiara il presidente dell'ACI Napoli Antonio Coppola. «C'è voglia di vivere il mondo delle corse da vicino, di esserne protagonisti e non necessariamente solo come piloti. Anche l'aspetto organizzativo e quello dei regolamenti hanno il loro fascino. Noi come Federazione sportiva dell'automobilismo abbiamo il dovere di sostenere e di alimentare questo amore. Non a caso siamo stati l'unico Paese ad essere riuscito ad organizzare, in piena pandemia, ben tre gran premi di Formula Uno, rinnovando l'impegno anche per quest'anno con Monza ed Imola».

© RIPRODUZIONE RISERVATA