Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pagani ai vertici della boxe nazionale:
titolo italiano supergallo per La Femina

Domenica 31 Luglio 2022 di Giuliano Pisciotta
Pagani ai vertici della boxe nazionale: titolo italiano supergallo per La Femina

Vincenzo La Femina porta nella sua Pagani il titolo italiano di boxe dei pesi supergallo. Nel match valido per l’aggiudicazione della cintura “vacante”, il pugile liguorino ha battuto Marco Scalia sul ring allestito allo stadio Marcello Torre di Pagani, sotto lo sguardo attento di Patrizio Oliva.

Il match si è risolto già alla seconda ripresa per ko tecnico, dopo un gancio sinistro al volto che ha lasciato inerme il 39enne pugile toscano.

La Femina ha dettato i ritmi dell’incontro fin dal primo gong, mettendo anche a segno diversi colpi interessanti e concedendo ben poco all’avversario.

Nella seconda ripresa Scalia prova a venire fuori, ma si scopre ancor di più agli affondi del boxeur di casa. Dopo aver subito un primo conteggio, Scalia si arrende definitivamente su un secondo violento gancio al volto.

Al termine del match Vincenzo La Femina, esibendo la sciarpa del suo gruppo ultrà della Paganese, ha tenuto a ringraziare innanzitutto i suoi sostenitori. «Dopo tanti sacrifici è arrivato questo titolo italiano nella mia città. Ci tenevamo, lo meritava la mia famiglia, il mio maestro, tutto il mio team e lo meritavo anch’io».

Sul match La Femina ha sottolineato di aver preso iniziato il match «studiando il mio avversario. Ho visto che indietreggiava e quindi dovevo io a prendere l’iniziativa. Ho preso gradualmente le misure e ho fatto il lavoro giusto col jab, tenendo conto che l’avversario tendeva a girare per il ring».

L’immancabile dedica finale ai suoi tifosi, alla sua Pagani che è stata accanto a Vincenzo La Femina in questo ulteriore prestigioso step della sua carriera pugilistica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA