Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Campolongo Salerno, Citro: «In cerca
di motivazioni per gara 2 con il Quinto»

Lunedì 23 Maggio 2022 di Diego Scarpitti
Umberto Esposito

Tutto in 32 minuti. Non sono bastate le doppiette di capitan Michele Luongo, Umberto Esposito e Maroje Gluhaic a scongiurare la sconfitta di misura con l’Iren Genova Quinto (9-10) alla Simone Vitale. Mercoledì 25 maggio (ore 20.30) il return match in Liguria. Un solo risultato a disposizione dei giallorossi: vincere per allungare il discorso a gara 3.

«Rispetto alle motivazioni è venuta fuori una bella partita. La finale settimo-ottavo posto lascia il tempo che trova», spiega Matteo Citro, tecnico della Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno. «Abbiamo sicuramente prodotto tantissimo», osserva l’allenatore classe 1981. «Nella prima fase non siamo stati molto precisi con l'uomo in più, poi siamo andati migliorando man mano», ribadisce il coach della Rari Nantes. «Errori individuali ci sono costati 4-5 gol». Ai fini del risultato ha inciso il primo quarto di gara (1-4).

Eterno duello. I biancorossi sono intenzionati a chiudere definitivamente la pratica ad Albaro. «Il Quinto ha mantenuto chiaramente il vantaggio, anche se poi ad un certo punto siamo rientrati e potevamo anche pareggiarla con un pizzico di fortuna», afferma Citro, che anticipa scenari futuri. «A Genova non sarà facile trovare le motivazioni. È una finale che lascia il tempo che trova, però entrambe le squadre daranno il massimo per giocarsela fino alla fine», avverte il tecnico rarinantino. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA