Tour de France, Brailsford della Ineos:
«Nessuno sa se arriveremo a Parigi»

Venerdì 28 Agosto 2020

«Proveremo ad arrivare fino in fondo, a Parigi. ma nessuno sa cosa succederà». L'ombra del coronavirus aleggia anche sul Tour de France, al via domani da Nizza, con due mesi di ritardo. «Che il Tour si corra - ha detto David Brailsford, manager della Ineos-Grenadiers che schiererà al via il campione in carica Egan Bernal - È importante, ma a un certo punto se il rischio per i corridori e le squadre, sarà necessario tenerne conto con responsabilità».

«Ci sono dibattiti sull'inizio del nuovo anno scolastico, sulle condizioni igienico-sanitarie, speriamo di poter tornare alla normalità - le parole di Brailsford - Lo sport è uno di questi. Molte misure sono state prese dagli organizzatori per ridurre al minimo i rischi in modo significativo. L'ASO (organizzatore del Tour de France) ha lavorato molto duramente per permetterci di venire. Sì, il Tour avrà luogo. Questo non è importante solo per il Tour ma per lo sport in generale. Se in un dato momento vediamo che ci sono troppi rischi per i corridori, le squadre, la società, sarà necessario tenerne conto, per essere responsabili. Non lo sappiamo, nessuno sa cosa succederà, ma proveremo ad arrivare a Parigi». «Il Tour de France dura tre settimane - ha aggiunto - non c'è fretta di prendere la maglia gialla nel caso in cui la gara venga interrotta e finisca prima. Siamo qui per un tour normale e se cambia, cambierà. Correremo come negli ultimi anni».

Ultimo aggiornamento: 16:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA