Como Nuoto-Aktis Acquachiara, la grinta
di capitan Tortora per la finale playoff

Sabato 3 Luglio 2021 di Diego Scarpitti
Acquachiara

Ultimo step. «Ci siamo! Queste sono le partite per cui ci si allena una vita». Così capitan Roberta Tortora alla vigilia della finale playoff. Gara 1 si gioca contro il Como Nuoto. Domattina l’Aktis Acquachiara di Barbara Damiani volerà a Milano. «Siamo cariche di emozione e adrenalina», spiega il numero 8 biancazzurro. «Tutte abbiamo rinunciato a qualcosa per arrivare qui e siamo pronte a dare il massimo per coronare il nostro sogno», assicura fiduciosa Tortora.

 

Le acquachiarine hanno chiuso la regular season imbattute e a punteggio pieno: otto vittorie su altrettante partite disputate. In semifinale, poi, il doppio successo con la compagine di Velletri F&D H2O. »Di sicuro non è stato un anno semplice a causa del Covid-19 ma non lo è stato per nessuno e quindi non dobbiamo cercare nessun tipo di alibi», osserva convinta Roberta. Fischio d'inizio alle ore 14. «Sarà una serie di partite molto difficili, perché siamo all'apice del campionato di serie A2 ed è giusto che sia così».

Sfida di vertice tra Lombardia e Campania: si apriranno le porte della A1 per chi prevarrà. «Il Como è un'ottima formazione ma noi dobbiamo rispettarla senza aver paura. Conosciamo i nostri punti di forza e sappiamo che il gruppo è il nostro valore aggiunto: siamo unite, lottiamo insieme e soprattutto insieme vogliamo arrivare al nostro obiettivo». Suona la carica Roberta Tortora: è l’ora del coraggio. Vietato indietreggiare.

«Barbara (Damiani) ci ha detto di goderci queste partite al massimo, mettendoci dentro tutto quello che abbiamo, poichè dobbiamo uscire dall'acqua sempre con la consapevolezza di aver dato tutto», argomenta il capitano partenopeo. Serviranno grinta, carattere e lucidità. «Io sono molto emozionata, come del resto le mie compagne, e dobbiamo essere brave a trasformare quest'emozione in rabbia agonistica», asserisce Roberta, che punta alla seconda promozione personale nella massima serie. «La prima partita sarà lontana da Napoli ma sentiamo l'affetto dei nostri tifosi anche a così tanti chilometri di distanza», conclude Tortora. Testa e cuore come Damiani ha insegnato alle sue guerriere. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA