Djokovic, scoppia il caso tamponi:
«Discrepanze su test per l'Australia»

Venerdì 28 Gennaio 2022
Djokovic, scoppia il caso tamponi: «Discrepanze su test per l'Australia»

Novak Djokovic e l'Australia, un caso infinito. Emergono nuovo dubbi su test per il Covid-19 risultato positivo che Novak Djokovic ha presentato per entrare in Australia e cercare di partecipare agli Australian Open. Secondo quanto riferisce la Bbc, riportando quanto avrebbe rivelato un gruppo di ricerca tedesco collaborando con il sito del settimanale De Spiegel, ci sarebbero state notevoli discrepanze relative ai numeri di serie della documentazione presentata dal tennista serbo.

Djokovic torna in campo dopo il caos degli Australian Open: iscritto all'ATP 500 di Dubai

L'Australian Open avrebbe pagato le spese legali a Djokovic

Il caso del numero di serie dei tamponi

In particolare, il numero di serie del test (positivo) del 16 dicembre appare fuori sequenza con un altro campione raccolto dalla stessa Bbc ed è anche superiore a quello del secondo risultato (negativo) del test, effettuato sei giorni dopo. I documenti erano stati presentati dai legali del tennista alla corte federale australiana che ha esaminato il caso, ma sono poi risultati ininfluenti in quanto la decisione di espellere il serbo è stata presa su altre basi.

Djokovic si è sottoposto ai tamponi in Seria e ha ricevuto i risultati dall'Istituto di salute pubblica. Tutti i risultati hanno un codice di conferma univoco: il che, secondo la Bbc non spiega perché il secondo avrebbe un codice precedente al primo. Un errore di laboratorio? Forse, ma le autorità serbe per ora tacciono così come il team del tennista. 

 
Video

 

Ultimo aggiornamento: 19:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA