Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Europei di Antalya, Rossella Gregorio
è d'argento nella sciabola individuale

Domenica 19 Giugno 2022 di Diego Scarpitti
Rossella Gregorio

Campania d’argento. Dopo Luca Cutatoli (Fiamme Oro), è il turno di Rossella Gregorio (Carabinieri) agli Europei di Antalya. Urlo, pugno destro chiuso e testa alta.

«Sono contenta. E’ un periodo un po’ difficile. Sto combattendo con tanti piccoli infortuni. Essere sul podio è una grande soddisfazione. Sono riuscita ad andare oltre tante sensazioni negative», racconta la sciabolatrice azzurra. «C’è un po’ di rammarico, perché arrivo seconda all’Europeo per la seconda volta», spiega la schermitrice salernitana. «Mi avrebbe fatto piacere vincere ma è un modo per avere quel mordente in più per le prossime occasioni», rivela l’atleta classe 1990.

 

Cinque anni dopo. Si tratta del suo quarto podio continentale in carriera: argento a Tbilisi (2017), bronzo a Montreux (2015) e Strasburgo (2014). «Ho sentito la tensione all’inizio, ero un po’ rigida e tesa. Ha prevalso, però, la volontà di fare bene. Mi godo il momento: è un tassello importante di un nuovo percorso», argomenta Gregorio.

Cammino in pedana. Quattro vittorie e due sconfitte nella fase a gironi. Poi il match impegnativo con la spagnola Celia Perez Cuenca, risolto all’ultima stoccata (15-14). In rapida successione Gregorio si è imposta sull’ungherese Lisa Pusztai e sulla bulgara Olga Hramova (15-9), attestandosi  tra le migliori 8 della prova individuale. Ai quarti ha superato la francese Caroline Queroli (15-9). In semifinale una grande rimonta con la transalpina Sara Balzer, mettendo a bersaglio un sontuoso parziale di 10-0. Finale equilibrata con l’azera Anna Bashta fino al 9-9, poi l’allungo dell’asiatica è stato decisivo.

L’argento europeo maturato in Turchia arriva dopo una stagione esaltante in Coppa del Mondo, impreziosita da due medaglie di bronzo in Georgia e in Bulgaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA