Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Europei nuoto, oro per Minisini-Ruggiero nel duo misto

Lunedì 15 Agosto 2022 di Piero Mei
Europei nuoto, oro per Minisini-Ruggiero nel duo misto

Cuori d’oro, non solo medaglie. Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero, freschi di vittoria europea, si presentano nel dopo gara con due cappelli disegnati di fiori. Non è solo per i punti al Fantaeuropeo, il gioco che ha preso piede tra gli atleti e sui social: è, soprattutto, un tributo a Noemi Carrozza, la sincronette che quattro anni fa morì in un incidente automobilistico sulla Cristoforo Colombo, fra Roma e Ostia, cadendo con lo scooter. “Ce li ha dato il fratello di Noemi - spiega Lucrezia - è un saluto per lei che era una di noi”.

 

Giorgio avrà poi un altro momento importante: è tra i promotori del Progetto Fidippide, che aiuta gli atleti con disabilità a partecipare allo sport e alla vita. Al Galà del sincro che conclude oggi gli Europei della disciplina, Minisini sarà in coppia con Arianna Sacripante, la sincronette con sindrome di down con la quale si allena. “Per Arianna, ragazza ed atleta speciale, lo sport è moltissimo; per me allenarmi con lei mi arricchisce, vedrete quanto è brava; e per chi ci guarderà sarà un momento di comprensione e di inclusione”. Sono le parole della vita quotidiana di Giorgio: “Ho avuto le mie crisi, ho affrontato gli episodi di bullismo, ma li ho rimossi, non ho rancori. Ho vissuto qui con leggerezza anche grazie al gioco del Fantaeuropeo”. “Sì, è pazzo - scherza Lucrezia - la sera prima di addormentarci pensa a cosa fare il giorno dopo per prendere punti, poi spegne la luce e buonanotte”.

Come? “Siamo compagni di stanza, letti singoli e vicini”. Ma non c’è da “gossipare”: Giorgio è fidanzatissimo, Lucrezia è single (per poco, forse…). Vi freuqnetate anche nel tempo libero? “E chi ne ha? E quel poco che abbiamo lo passiamo ogun per sé” scherzano. Hanno guadagnato leggerezza, anche con l’aiuto di mental coach e psicologi e di famiglie ed amici: “Giorgio è lì fermo, mi toglie l’ansia” dice Lucrezia; “Cosa direi al Giorgio di 12 o 16 anni? _ fa Giorgio _ Resisti come ho fatto io, che ho avuto un mondiale a 19 anni, questo Europeo a Roma, la squadra con me, Lucrezia, la mia famiglia, i pochi amici: sono stato fortunato”. Lei è l’uomo d’oro dell’acqua, come Paltrinieri, gli fanno: “Grazie, mai avrei pensato che potevo essere accostato a un grande come Greg”. Minisini ha la macchina fotografica e scatta: punti da Fantaeuropeo e ricordi, dimenticando “l’ignoranza dei bulli: ignoranza in senso letterale, perché non sanno”.

Ultimo aggiornamento: 13:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA