FF Napoli, Pasquale Somma:
«Arriveranno i momenti di felicità»

Sabato 24 Ottobre 2020 di Diego Scarpitti
Pasquale Somma

Salvo ulteriori imprevisti, il campionato di capitan Fernando Perugino e compagni inizierà sabato 31 ottobre. Bovalino – FF Napoli in programma alle ore 16. La prima trasferta dei ragazzi di Piero Basile coinciderà con la terza giornata di serie A2, girone D. A data da destinarsi le sfide contro Sicurlube Regalbuto e Cosenza. Hanno ripreso ad allenarsi gli azzurri al PalaCercola, lasciandosi alle spalle la quarantena. «Sono professionisti e ho chiesto loro un piccolo freno alla vita sociale. Non è facile, ma stanno lavorando in maniera impeccabile, seguendo alla lettera i dettami della società», spiega il team manager Pasquale Somma.

«Lo stress accumulato in questi mesi è stato tanto, ma vedere i nostri atleti sul parquet dà la giusta adrenalina». In arrivo i due classe 1992: il laterale offensivo Antonio Napoletano, ex Real San Giuseppe, e il portiere Eduardo Polverino, proveniente dal Futsal Flegrea. Entrambi rinforzeranno l’under 19 del Napoli.

Covid-19 e sport. Gli addetti ai lavori scongiurano il lockdown annunciato, sarebbe una «sciagura». «E’ una vita condizionata dal virus. Non è facile, ma arriveranno i momenti di felicità», auspica fiducioso Somma. «Il futsal è gioia nello stare insieme».

Trait d'union. «Fungo da collante tra società, staff, mister e giocatori. Un ruolo ad ampio raggio che riguarda la parte logistica, gli allenamenti e tutto quel che occorre», afferma il team manager al terzo anno in azzurro.

«E’ una soddisfazione enorme. Il presidente Serafino Perugino è una persona ambiziosa, che ripone fiducia e conferisce risalto alle capacità di ognuno di noi: non fa mancare nulla e permette che l’entusiasmo attorno al progetto cresca in continuazione».

Grande passione «Rappresentiamo la nostra città e la nostra squadra del cuore. Ci sono tutte le premesse per fare bene», prosegue convinto Somma.

Presente e futuro. «Spero che la pandemia non faccia smettere di sognare: amiamo questo sport». Soffre, esulta, segue in maniera meticolosa. «Mi sento a casa, perché il Napoli è sulla nostra pelle». E nei cuori dei tifosi.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA