Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giochi del Mediterraneo, l'argento
di Maresca prima medaglia napoletana

Lunedì 27 Giugno 2022 di Diego Scarpitti
Luca Maresca

Napoli presente. Iniziano bene i Giochi del Mediterraneo ad Orano. Arriva una bella medaglia d'argento nel karate con Luca Maresca nella categoria 67 kg. Sul secondo gradino del podio finisce l'atleta classe 1993, dopo l'oro conquistato in Turchia nel 2013.

19esima edizione in Algeria. «Speravo di doppiare l'oro vinto a Mersin 9 anni fa. Il mio pensiero era di riportare il metallo più pregiato a casa. Ci stavo riuscendo fino a pochi secondi dalla fine», racconta Luca Maresca. «Peccato. E' stata un'ottima prestazione e una bellissima medaglia», spiega l'atleta delle Fiamme Oro. «Gara difficile e complicata, ma sono contento della performance. Poteva andare meglio, noi atleti -si sa- non siamo mai contenti: volevo l'oro», ammette sincero. 

«Esco a testa alta sicuramente», prosegue il campione mondiale ed europeo, che ha battuto ai quarti il francese Salmi (5-1) e poi il cipriota Tsangras in semifinale, superato di misura in finale dal greco Xenos (3-2).

 

La prima medaglia napoletana e' targata Luca Maresca. «Di questo ne  sono orgoglioso. Napoli e' tatuata sulla pelle, Napoli e' la mia citta': e' casa», dichiara convinto. «Sono fiero delle mie origini, che non rinneghero' mai. Quando mi dicono che si sente il mio accento napoletano, sono contento», asserisce l'agente scelto, che ha ricevuto i complimenti di Davide Tizzano, presidente della Confederazione dei Giochi del Mediterraneo.

Risultato prestigioso per l'Italia e non solo. «Sono legato alla Polizia di Stato. Sono un professionista del karate, perche' ho trasformato la mia passione nel lavoro piu' bello. Ringrazio di cuore il Gruppo Sportivo Fiamme Oro e la Fijlkam, che hanno sempre creduto in me».

Dedica personale. «Si tratta di una medaglia che valorizza il mio impegno. Ho avuto la forza di rialzarmi e di ripartire, conquistando uno splendido argento in Algeria. E di questo sono molto contento», conclude Maresca

Casa Italia. Si festeggia subito un bottino pesante. Esulta anche la casertana Alessandra Mangiacapra (Fiamme Oro), bronzo nella categoria 61 kg. Terzo posto anche per Veronica Brunori (55 kg) e Luigi Busa' (75 kg), gia' campione olimpico a Tokyo 2020. In totale quattro medaglie nel karate con Maresca.

Fate azzurre. Volteggiano sul terremoto e non si lasciano distrarre, tanto da chiudere in vetta. Nella ginnastica Martina MaggioAsia Alice D'Amato Giorgia Villa mettono al collo la medaglia piu' bella. A Casa Italia l'abbraccio e la foto di rito con Davide Tizzano Carlo Mornati, segretario generale del Coni

Ultimo aggiornamento: 18:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA