Gli Scugnizzi a vela “vestono”
Marciani sulla nave scuola

Martedì 3 Maggio 2022 di Gianluca Agata
L'assessore Chiara Marciani

Consegna della divisa dell'equipaggio di nave scuola Elisabeth caracciolini all'Assessore alle politiche giovanili del Comune di Napoli Chiara Marciani alla darsena Acton. Si chiama “Scugnizzi a Vela” ed è un progetto dell’associazione Life Onlus volto all'integrazione per i ragazzi a rischio di devianza ed emarginazione. Un’iniziativa aperta a quanti, tra loro, stanno scontando un provvedimento di legge. L’obiettivo è offrire loro un modello di vita diverso, caratterizzato dai principi della vita marinara e del restauro del legno. Principi che sono soprattutto la lealtà, l’onestà e il rispetto reciproco. Un progetto che ha il sostegno della Marina Militare, che mette a disposizione della Life Onlus alcuni locali della Base Navale del Molosiglio. Qui i ragazzi possono apprendere le tecniche per manutenere le imbarcazioni in legno a vela. Fondamentale l’etico sostegno della Fondazione Grimaldi. Le barche, in pratica, vengono utilizzate come materiale didattico nelle attività di laboratorio. Il loro recupero consente di innescare anche un processo di autostima nei dieci ragazzi coinvolti.

Alla giornata, oltre agli Scugnizzi a vela, hanno preso parte il Dirigente regionale della Giustizia Minorile Dott. Giuseppe Centomani,  il Governatore del Pio Monte della Misericordia Don Nicola Caracciolo e il Presidente della Fondazione Grimaldi  Luca Marciani, sostenitori del progetto, e una rappresentanza di etici imprenditori napoletani che operano nel Porto di Napoli e in una catena del food Internazionale, che hanno inserito nelle proprie organizzazioni gli scugnizzi a vela che hanno svolto un periodo di formazione nei laboratorio "I mestieri del mare". Piena intesa sui progetti in essere ed in particolare sul Campania Social Boat Napoli-Salerno, rivolto all'accoglienza delle famiglie meno fortunate e finalizzato  alla conoscenza della propria città dal mare, incontrare persone significative nel sociale e nell'integrazione, e l'altra iniziativa denominata “Da scugnizzi a marinaretti 1922-2022”, in analogia a quanto realizzato nel secolo scorso  nel quale l’allora  Ministro della Marina fece dono alla città di Napoli della pirocorvetta in legno Nave Asilo “Caracciolo”, per accogliere gli scugnizzi e trasformarli in provetti marinai, ripercorrendo in piccolo, ed in chiave moderna, la meravigliosa esperienza di “Nave  scuola marinaretti Caracciolo”. ormeggiata nel Porto di Napoli. La rievocazione di questa straordinaria esperienza educativa rientra nel più ampio progetto di  avviamento alle attività lavorative e di preparazione alla vita professionale degli “Scugnizzi a  vela”. 

Le attività sono realizzate in collaborazione con il Ministero della Giustizia e della Marina Militare, con il patrocinio della Regione Campania, Comune di Napoli e Autorità Portuale di Napoli.

Ultimo aggiornamento: 15:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA