Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Berrettini, super battaglia al Queen's:
vince in tre set dopo quasi tre ore

Giovedì 16 Giugno 2022 di Daniele Molteni
Matteo Berrettini, numero dieci al mondo. Lo scorso anno ha vinto il torneo del Queen's

Matteo Berrettini suda le proverbiali sette magliette ma conquista i quarti del torneo del Queen's. In una giornata torrida a Londra - forse è la settimana più calda del millennio per la capitale britannica - il tennista romano supera in tre set (3-6, 7-6, 6-4) Denis Kudla, statunitense nato in Ucraina numero 82 al mondo (l'azzurro è il 10), al termine di una battaglia durata 2 ore e 46 minuti.

Berrettini trionfa a Stoccarda: il tennista romano (al rientro dopo tre mesi) batte in finale Andy Murray

Anche in una giornata complicata e fallosa, Berrettini dimostra di essere un giocatore che difficilmente smarrisce la strada maestra e incassa sull'erba amica del prestigioso Queen's - dove ha trionfato l'anno passato - la vittoria numero 17 su 18 partite su questa superficie che l'ha visto trionfare la settimana scorsa a Stoccarda

«Non so come ho fatto - ha dettto Berrettini a fine match - a far girare questa partita. È stata difficile, ci conosciamo molto bene, abbiamo giocato sette volte e ogni volta ne esce fuori qualcosa di diverso. In tante situazioni oggi ha meritato lui di vincere, ma io sono sempre rimasto lì aggrappato».  

Il torneo nell'elegante club londinese sta diventando una seconda casa per Berrettini, come lui stesso ha confessato a caldo: «Mi piace giocare sull'erba e penso che il mio tennis si adatti piuttosto bene. E mi piace giocare in questo club che è bellissimo, ed il sostegno del pubblico è qualcosa che fa sempre molto piacere».

In vista c'è domani la sfida con un altro statunitense, Tommy Paul, n.35 del ranking, che si impose nell'unico precedente, risalente allo scorso febbraio, ma solo per ritiro dell'italiano allenato da Vincenzo Santopadre che da allora riuscì a giocare solo due turni e mezzo a Miami prima di fermarsi per l'operazione alla mano destra. Il rientro a Stoccarda è stato segnato da continui miglioramenti ma qualche prestazione altalenante va ancora messa in conto, come nel primo set odierno. Berrettini ha dovuto annullare una palla-break già nel secondo gioco, con un ace, poi ne ha cancellata un'altra nel sesto ma nell'ottavo un insieme di errori hanno hanno consegnato il game a Kudla che si è preso il set 6-3. Portata la seconda partita al tie break, il romano è andato subito in vantaggio, approdando in breve al 7-5. Al cambio campo c'è stato un brivido, con il romano che ha ricorso al fisioterapista per un fastidio alla mano destra, risolto velocemente. Il set ha visto qualche occasione sprecata da parte sua per chiudere, arrivando fino al 6-4 decisivo. Berrettini ha chiuso con due punti vinti in meno rispetto al suo avversario ma con percentuali di tutto rispetto al servizio, migliorate dal secondo set in avanti: 22 ace (contro 3 doppi falli), il 64% di prime in campo con il quale ha ottenuto il 76% dei punti e sette palle-break salvate su nove. 

Ultimo aggiornamento: 22:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA