Empoli-Napoli femminile 1-0
Capparelli: «Dobbiamo stringere i denti»

Domenica 18 Ottobre 2020 di Diego Scarpitti
Livia Capparelli

Non è il caso di avvilirsi, né di arrendersi. Le mani nei capelli di Eleonora Goldoni e della tedesca Vivien Beil certificano il perdurante momento di difficoltà delle azzurre. La sua cavalcata di 40 metri sulla fascia destra resterà l’immagine chiave della sesta giornata di campionato. Tanto impegno in campo, 0 punti in classifica. «C’è parecchio rammarico per questo sfortunato periodo. Poca cattiveria e prestazioni segnate da qualche episodio. Confidiamo nel gruppo e nella forza della squadra», afferma il terzino del Napoli femminile, Livia Capparelli.

 

A Empoli l’ennesima beffa subita dalla ragazze di Giuseppe Marino. Devono disincagliare in fretta tale situazione capitan Paola Di Marino e compagne. «Le parole d’ordine sono lavoro e umiltà. Dobbiamo stringere i denti. Il gruppo c’è e speriamo in un pizzico di fortuna. Serve una buona dose di grinta e determinazione», prosegue Capparelli, subentrata ad Isotta Nocchi dopo l’espulsione rimediata nella ripresa da Federica Cafferata.

«Abbiamo lottato, giocato un buon calcio e dimostrato, ancora una volta, che siamo un gruppo coeso ed affiatato, nel quale tutte possono dare un contributo. Proveremo a rialzarci dopo la sosta», auspica il difensore classe 1997. Si ferma la serie A per gli impegni della Nazionale e per il secondo turno di Coppa Italia. Ripresa fissata sabato 7 novembre. A Barra il Napoli affronterà il Milan di Maurizio Ganz e dell’ex Martina Gelmetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA