Napoli Futsal-Ciampino Aniene 4-4:
soltanto un punto per gli azzurri

Mercoledì 13 Ottobre 2021 di Diego Scarpitti
Rodolfo Fortino

Armi affilate e show esaltante. Nel primo turno infrasettimanale della serie A spiccano due nomi su tutti: Francesco Molitierno e Mirco Casassa. Sono i portieri a decidere il risultato finale con i loro interventi efficaci e le loro molteplici prodezze. Se Napoli Futsal-Ciampino Aniene termina 4-4, è merito degli indiscussi protagonisti che vestono rispettivamente la maglia azzurra numero 22 e quella rossa 17.

Capitan Fernando Perugino e compagni colgono il primo punto stagionale. Forse va un po’ stretto l’esito finale alla compagine allenata da Piero Basile per le tante occasioni avute ma il pubblico presente al palazzetto apprezza l’impegno sfoderato sul parquet da parte della neopromossa, che rinvia l’appuntamento con la vittoria. Dopo l’esordio con i campioni d’Italia dell’Italservice Pesaro, ecco il vivace e rocambolesco pareggio interno.

Napoli a fare la partita e a prendere le distanze. Fernando Nascimiento Cosme, più sinteticamente Fernandinho, sblocca il punteggio. Bastano 4 minuti e 3 secondi al pivot classe 1983 per dare fuoco alle polveri. Non sta a guardare Gomes Da Silva Wilde, artefice dell’1-1 (7’57”). Ritmi incalzanti già nella prima frazione. Sale in cattedra Luis Felipe Naibo Turmena: sforna due assist vincenti il talentuoso 17. La sua percussione sulla destra spiana la strada a Rodolfo Fortino (2-1), il suo taglio propizia la rete di Nejc Hozjan. In meno di un minuto (11’39”-12’17”) il Napoli si porta sul doppio vantaggio. Abile a sfruttare le amnesie difensive, il laterale Alexandre Menino Divanei deposita il pallone all’incrocio e accorcia prima dell’intervallo (3-2).
 
Nella ripresa l’universale Gabriel Pina trasforma il penalty che vale il momentaneo 3-3 (21’15”). I giocatori di Daniel Ibanes mettono la freccia e firmano addirittura il sorpasso con Portuga: 3-4 al 27’37”. Molitierno scongiura la quinta marcatura, doppia traversa centrata dall’ex Real San Giuseppe e da Michal Raubo (33’). Gli azzurri abbozzano più di una reazione ma i tentativi si infrangono sul muro eretto da Casassa. La pazienza premia gli sforzi dei padroni di casa, che trovano il varco giusto con un altro ex gialloblu. Alex sigla il definitivo 4-4 (33’36”). Non si contano davvero gli interventi del classe 1992, in stato di grazia. Invano Attilio Arillo e Fortino provano a bucare la retroguardia «nemica». I power play ultime carte calate dai tecnici. Chiude imbattuta l’Aniene, strappa un punticino il Napoli.

Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre, 07:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA