Napoli pronta a mostrare la Grande
Bellezza per i Campionati Italiani Assoluti

Martedì 25 Maggio 2021 di Diego Scarpitti
Oliva-Occhiuzzi

C’è un altro volto di Ponticelli, pronto a mostrarsi all’Italia intera con la carica esplosiva dello sport. Il PalaVesuvio aprirà i battenti per i Campionati Italiani Assoluti di Scherma a squadre, in programma da mercoledì 4 a domenica 6 giugno. Sarà un banco di prova interessante per gli atleti che hanno staccato il pass per le imminenti Olimpiadi di Tokyo. «Siamo molto felici nonostante le difficoltà», ammette Diego Occhiuzzi, presidente di Milleculure e organizzatore della manifestazione.

«Sono trascorsi due anni dall’assegnazione dell’evento. Riusciremo nell’intento anche con una serie di restrizioni. Mancavano i campionati italiani da quasi 15 anni a Napoli», ricorda lo sciabolatore classe 1981, bronzo a Pechino 2008, argento e bronzo a Londra 2012. «Gli atleti qualificati a Tokyo testeranno la loro condizione». Si preannuncia un grande spettacolo in pedana. «Ringrazio il Coni, la Regione Campania, il Comune di Napoli, la Federazione Italiana Scherma ma tengo a sottolineare l’importanza e il supporto degli sponsor, vera linfa vitale, perché hanno reso possibile la manifestazione, soprattutto MD e Maurizio Marinella, che sostiene sempre lo sport».

In palio il titolo italiano. Nell’Antisala dei Baroni del Maschio Angioino la conferenza stampa di presentazione, alla quale è intervenuto l’assessore allo sport Ciro Borriello. «Finalmente Napoli simbolo di ripartenza. Evento atteso uno dei punti chiave della programmazione sportiva della città. E’ un grande successo e un traguardo celebrare i Campionati italiani», rivendica orgoglioso l’esponente della giunta de Magistris. «A Palermo andammo a ritirare il vessillo del campionato. Sarà una kermesse qualificante per la città. PalaVesuvio, recentemente ristrutturato con i fondi delle Universiadi, impianto indoor migliore che possiamo offrire. Ponticelli, periferia orientale, mostrerà il meglio».

Esterna il suo apprezzamento Maurizio Randazzo, vicepresidente vicario Fis, oro ad Atlanta 1996 (compagno d’armi dell’Hall of Fame Sandro Cuomo) e a Sydney 2000. «L’evento segna la ripartenza post pandemia. Ammirevole e notevole l’impegno messo in campo dal comitato organizzatore. Si tratta dell’ultima gara a squadre prima dei Giochi nipponici. Gli atleti ritroveranno l’agonismo a ridosso della competizione a cinque cerchi. La gara a squadre crea spirito di gruppo e coesione, utili a vincere anche contro rivali più forti».

Motiva la sua presenza il versatile Patrizio Oliva. «Sono presidente della sezione scherma Milleculure, mentre Occhiuzzi per la boxe. La scherma ha reso gloria all'Italia ed è un onore e un privilegio organizzare un evento di tale spessore», dichiara l’oro olimpico a Mosca 1980. «Lo sport, l’arte e la cultura vanno portate in periferia. Si delinque, perché manca il bello», argomenta Oliva. MD sarà title sponsor dei Campionati italiani. «Omonimia e stesso giorno nascita (28 gennaio). E’ nata così l’amicizia con Oliva», osserva il cavaliere Patrizio Podini, patron del noto marchio e fondatore del gruppo. «La scherma è una nobile disciplina, doveroso dare forza a questo bellissimo sport».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA