Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tutti pazzi per il padel: a Napoli
torna il torneo firmato iPadeLovers

Mercoledì 15 Giugno 2022
Tutti pazzi per il padel: a Napoli torna il torneo firmato iPadeLovers

«Peace, love, and… padel». A Napoli, al club «Pianeta verde» di Agnano, duecento giocatori hanno partecipato alla II edizione del «Torneo peace, love and padel», organizzato da Giovani Frenna, fondatore del più importante gruppo di padelisti partenopei «iPadeLovers», che conta oltre mille giocatori. Il torneo misto è stato vinto dalla coppia formata da Peppe Ferrara e Adele Stendardo, che ha battuto in finale Maurizio Grandelli e Valentina Agrone. Sport, sorrisi, fiori e abiti hippie. C’era tutto questo al torneo de «iPadeLovers», insieme a tanti appassionati, che ormai giocano quasi quotidianamente, perchè davvero si rinuncia a tutto, ma non alla partita di padel con gli amici, e questo vale per uomini e donne. Si gioca a tutte le ore, anche sotto il sole cocente. Giovanni Frenna, libero professionista, sportivo e giocatore di padel da cinque anni, è diventato in poco tempo un punto di riferimento per tutti i circoli partenopei come il «Padel club Epomeo» e l’«Azul» a Pianura, dove si riuniscono atleti da tutta la Campania.

«Un anno e mezzo dopo la nascita del gruppo «iPadeLovers» - spiega Frenna - la voglia di aggregarsi non si ferma. Si partecipa tutti insieme alle più prestigiose “clinic” d’Italia. Ogni nuovo torneo racconta nuove amicizie e persino nuove storie d’amore con relative gioie e dolori. Nel frattempo, anche il livello tecnico dei giocatori aumenta, del resto il padel è uno sport con grandi margini di miglioramento». A sostenerlo un gruppo di amici e giocatori formato da: Rubina D’Attilio, Guido Capone, Giulio Rotoli, Lula Carratelli, Federica Riccio, Stefania Pianese, Serena d’Agostino, Germano Fiorillo. Partecipare a un torneo de «iPadeLovers» è diventato un must e non manca il fine benefico con raccolte fondi per l’Ucraina, per i canili e per la città, come accaduta per la «Faimed League». «Il mondo del padel ha permesso a molte persone di fare rete anche nel mondo del lavoro, non solo nella sfera personale - commenta Rubina D’Attilio - stimolando un nuovo modo di fare socialità, che ha portato molti a riscoprire la vita nei circoli sportivi».

Da novembre 2020 a oggi, sono stati organizzati più di cento tornei con le più svariate formule: misto, maschile, femminile, genitore/figlio, competizioni a tema e tanto altro. Si contano più di 5mila partecipanti all’attivo con premi e trofei distribuiti all’insegna dello sport e della voglia di divertirsi. Tra questi, giocatori di ottimo livello, che partecipano alnche ai tornei di serie D e ai Campionati italiani «Tpra», come Salvatore Caserta, Piero Rizzo, Adriano Landi, Raffaele Daniele, Antonio Penta, Stefano Chines, Patrizio Sepe e tanti altri ancora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA