Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pallanuoto paralimpica, così i Lions
hanno vinto il titolo: «Emozionante»

Lunedì 18 Luglio 2022 di Angelo Rossi
Pallanuoto paralimpica, così i Lions hanno vinto il titolo: «Emozionante»

Vedere la piscina Scandone discretamente affollata “è stato uno spettacolo emozionante” per dirla con le parole di Paolo Trapanese, presidente del Comitato campano nuoto. O anche “una mattinata entusiasmante” per usare la frase di Carmine Mellone, presidente regionale del Cip (Comitato italiano paralimpico), che ha racchiuso così il senso della finale pallanuoto paralimpica di ieri mattina nella vasca olimpionica di Fuorigrotta. Per la prima volta nella storia, lo scudetto è sbarcato a Napoli e se l’è cucito sulle calottine l’Expert Lions, che è stato anche il club organizzatore dell’evento. Atleti entusiasti, di buona tecnica, guidati in panchina da uno che alla Scandone è di casa: Andrea Scotti Galletta, ex capitano del Posillipo, difensore della Rari Salerno, figlio dell’indimenticato Mario, portierone della Canottieri e della Nazionale negli anni settanta.

Una bella botta di vita per questo sport emergente, soprattutto in chiave napoletana visto che il tricolore è stato assegnato dopo un derby fratricida in finale: da una parte i Lions appunto, e dall’altra il Centro sportivo Portici, tra i grandi favoriti alla vigilia. Partita bella, avvincente, con botta e risposta continuo: i Lions sono partiti forte, accumulando un vantaggio più o meno costante di due reti, dilatato a tre nel terzo tempo. Il Portici, scortato da una notevole rappresentanza di tifosi al seguito, si è spinto fino al meno uno ma sul 9-7, che sarà poi il risultato finale, ha gestito con troppa foga le azioni per una possibile rimonta.

Il fair-play e l’amicizia in vasca e fuori sono stati i grandi protagonisti della settimana: il premio fair-play è andato alla Deha Pozzuoli e a Luca Del Giudice, per l’eccezionale comportamento tenuto durante le gare. I migliori atleti di ogni squadra faranno parte di una selezione che a settembre sarà ospite dei campioni d’Europa della Pro Recco per uno stage di allenamenti.

«Il torneo è stato un successo, oltre ogni previsione per la Campania che si conferma terra dove il movimento paralimpico, pur tra mille difficoltà, riesce a dire la sua: in finale abbiamo avuto tre formazioni su otto della nostra regione. Se la manifestazione è riuscita così bene lo dobbiamo allo staff della Finp guidato dal presidente Roberto Valori, al tecnico nazionale Enzo Allocco per l'attività Top level, al delegato regionale Vittorio Abete e al presidente del Comitato organizzatore Andrea Scotti Galletta» ha commentato Carmine Mellone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA