ItalParkour made in Naples
con tecnici e atleti di Campania 2000

Martedì 28 Luglio 2020 di Diego Scarpitti
Campania 2000
Arte dello spostamento. Semplicità, sicurezza, rapidità del gesto atletico e acrobatico. In questo sono maestri i napoletani, ancor più gli atleti che indossano la maglia della Nazionale. Volteggi, cat leap, climb up, dyno entrano nel linguaggio comune e denotano un indice elevato di gradimento e una crescita esponenziale del parkour, disciplina dimostrativa inserita nel palinsesto delle Olimpiadi di Tokyo 2020, poi rinviate al 2021. Si destreggiano con abilità, corrono e fluttuano nell’aria. Non si lasciano fermare né intimorire da nessun ostacolo, trasformando un corrimano in una rampa di lancio o in uno scivolo.
 
 

 Protagonisti del primo collegiale post lockdown i tecnici partenopei Marco Castaldo e Andrea Prota, e gli atleti Rosario Pompeo Barile, Mario Russo e Antonio Alberto Bosso (Campania 2000). «E’ un motivo di vanto e di orgoglio vedere 3 atleti napoletani su 7 vestire la maglia della Nazionale: è davvero un’emozione indescrivibile», spiega soddisfatto il coach Castaldo. «Siamo stati una delle prime società in Italia a credere in questa disciplina, ancor prima che entrasse a far parte del circuito federale». Primato made in Naples, preso a modello ed esempio da riprodurre.
 
Saranno 10 giorni intensi di collegiale nella cittadina di Cles, in provincia di Trento. Il direttore tecnico della Nazionale Roberto Carminucci (sezione Salute e Fitness), coadiuvato dai tecnici federali Marco Bisciaio, Francesco Venturelli, da Castaldo e Prota, ha convocato Andrea Consolini (Brixia), Diego Minestrini (Alma Juventus), Fausto Vicari (New Sport) e Nicholas Visintin (Dinamic Gym), oltre ai napoletani Antonio Alberto Bosso, Rosario Pompeo Barile, Mario Russo. Gli allenamenti indoor e outdoor si svolgeranno presso il Centro per lo Sport e del Tempo, in preparazione degli appuntamenti internazionali, ovvero la prima edizione dei Campionati del Mondo, in programma a Hiroshima, in Giappone, dal 26 al 28 marzo 2021, poi la Coppa del Mondo.
 

Gli azzurri hanno ricevuto la visita del sindaco Ruggero Mucchi, accompagnato dal suo vice Diego Fondriest e dall’assessore ai lavori pubblici Massimiliano Girardi. All’incontro ha preso parte anche Paola De Concini, responsabile tecnico della Società Ginnastica Val di Non, che ospita il collegiale.

Lo sport ritrovato. Attività fisica per ripartire di slancio anche con una passeggiata montana, che porterà la ginnastica sulle vette del mondo, scaramanzia permettendo.
 
  Ultimo aggiornamento: 17:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA