Posillipo-Savona, Di Martire junior:
«Dobbiamo mantenere la vetta»

Venerdì 29 Gennaio 2021 di Diego Scarpitti
Gianpiero Di Martire

Garanzie in un mondo di incertezze. Soltanto al termine dei canonici 32 minuti di gioco si saprà chi chiuderà in testa il girone D e quali gli abbinamenti alla fase successiva. Posillipo-Savona atto secondo alla piscina Scandone. Match dall’esito impronosticabile e non scontato. Proveranno a raddoppiare i rossoverdi, animati dalla rivincita i biancorossi. A Fuorigrotta fischio d’inizio alle ore 15. Dirigeranno l’incontro gli arbitri Filippo Massimo Gomez e Giuliana Nicolosi, delegato Fin Massimo Calabrò.

«La sfida di domani sarà importante per assegnare il primo posto nel raggruppamento», spiega alla vigilia Gianpiero Di Martire. «Non sarà semplice ovviamente. Il Savona è una squadra forte con ottimi giocatori di esperienza», ammette l’attaccante classe 2001.

Alla Zanelli vittoria dei ragazzi di Roberto Brancaccio (13-12) con uno scatenato Giuliano Mattiello, autore di ben 7 reti. «Sabato scorso siamo entrati in acqua motivati e senza paura. Abbiamo giocato soprattutto a pallanuoto e interpretato bene la partita». Lezione di stile e di tattica. «L’inizio aggressivo ci ha portato sul +6», sottolinea il figlio d’arte.

Confronto crocevia. «Domani pomeriggio stessa mentalità e serenità, coscienti però che la gara sarà diversa rispetto a quella disputata in Liguria. I savonesi dimostreranno di essere più aggressivi, per cercare di riprendersi il primo posto». Duello di vertice. «Noi dobbiamo essere bravi, invece, a mantenere la vetta», carica i suoi la calottina numero 9.

Assenze pesanti. All’andata come al ritorno. «Avvertiremo la mancanza di mio fratello Massimo e di Zeno Bertoli, entrambi squalificati. Sono due pilastri della squadra. Una settimana fa abbiamo dimostrato che il gruppo è compatto: dobbiamo dare prova di unità e continuare così. C’è un ottimo mix nel team e dobbiamo cercare di arrivare alla seconda fase imbattuti», auspica Di Martire junior (nella foto di Rosario Caramiello).

Waterpolo e studio. «Sono impegnato con l’Università della California a Los Angeles (UCLA). Il fuso orario è un po’ scocciante. Lì in America il campionato è iniziato ma per problemi con il visto non posso ancora raggiungere i ragazzi. Nel mentre sono contento di poter restare ancora qui e giocare con il Posillipo». Istruzione first of all.

Complimenti. «Una nota di merito va al nostro giovane portiere Roberto Spinelli, che in questa prima fase si sta confermando sempre di più una garanzia». Una delle poche, considerato il periodo.  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA