Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rari Nantes Salerno, il ritorno
in giallorosso di Gabriele Vassallo

Venerdì 17 Giugno 2022 di Diego Scarpitti
Gabriele Vassallo

Gradito ritorno. Saluta l’Anzio Waterpolis, si aprono le porte della sua Salerno. Torna a casa Gabriele Vassallo, pronto a mettersi a disposizione di capitan Michele Luongo e compagni.

«Sono felice di avere l’opportunità di giocare per la mia città e per un obiettivo importante», spiega soddisfatto il portiere classe 1993. L’operazione di mercato è andata a buon fine, si è creata «una comunione di intenti, perché la Rari Nantes Salerno vuole partecipare all’Euro Cup e vuole qualificarsi entro i prossimi due anni», osserva il giocatore ex Canottieri Napoli. «Accetto la sfida e faremo il massimo per raggiungere questo obiettivo», auspica fiducioso l’estremo difensore.

 

Torna a vestire i colori giallorossi il già campione del mondo under 20 (Ungheria 2013) e il bicampione europeo under 17 e 19 (2010 e 2012), che ha fatto parte anche della Nazionale universitaria, collezionando diverse presenze con il Settebello. «Indossare la calottina della mia città dà una carica extra, ci sono motivazioni aggiuntive», avverte Vassallo. «Sono passati tanti anni dall’ultima volta che ho giocato alla Vitale e non vedo l’ora di iniziare. Sarà un campionato bello e divertente, con un grande pubblico a seguirci», annuncia convinto.

Biennio laziale. «Sono stato molto bene ad Anzio, abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi prefissati ed era arrivato il momento di cambiare. La nuova avventura mi carica e sono sicuro che faremo grandi cose. La società sta allestendo una squadra importante», argomenta.

Esordio. Comincia la sua carriera alla Rari Nantes Salerno, allenato da Luigi Mogavero, Luca Malinconico, Dani Pecotic e Božo Vuletić. «Ho iniziato quando avevo 10 anni, disputando 5 stagioni in A2 a partire dal 2008», rammenta. «La scelta di ritornare è legata al grande senso di appartenenza nei confronti della città e al progetto tecnico che mi entusiasma. Voglio, insieme a tutta la squadra e la società, portare Salerno a calcare palcoscenici europei, e affermarci come una realtà solida e stabile del massimo campionato italiano», ribadisce Vassallo, che rivolge un pensiero a capitan Biagio Borrelli e soci. «In bocca al lupo alla Canottieri Napoli per le finali playoff e spero di incontrarci in A1. Daremo fastidio a tutti», conclude il talentuoso portiere campano (nelle foto di Manuel Schembri).  

Club. «Siamo certi che Vassallo darà un grosso contributo alla crescita della nostra squadra, dichiara Enrico Gallozzi, presidente della Rari Nantes Salerno. «Gabriele è uno dei portieri più forti e più affidabili della serie A1. Riportarlo a Salerno è motivo di orgoglio e sarà un punto fermo per puntare a traguardi sempre più ambiziosi. La sua grinta e le sue doti tecniche saranno sicuramente un valore aggiunto per la squadra», afferma il diretto sportivo Mariano Rampolla. «Vassallo è un portiere ormai con tanti campionati di A1 alle spalle. Il suo livello tecnico non si discute, mi aspetto che da salernitano trasmetta al gruppo il senso appartenenza verso la Rari», chiosa il tecnico Matteo Citro

© RIPRODUZIONE RISERVATA