Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nadal immenso, 14 titoli a Parigi (e 22 Slam). Ruud travolto in tre set «Il mio futuro? Continuerò a provarci e a lottare»

Domenica 5 Giugno 2022
Roland Garros, in diretta la finale Nadal-Ruud. Rafa lascia dopo Parigi? Voci e smentite

Abbraccia il trofeo del Roland Garros come se fosse il primo Rafael Nadal, ma in realtà è il 14/o. Lo spagnolo in finale schianta Casper Ruud con un perentorio 6-3 6-3 6-0 e conquista il 22/o Slam di una carriera strepitosa. E a 36 anni, dopo stagioni travagliate allontana le voci sul suo possibile ritiro, che pure si erano sparse proprio poco prima della finalissima sulla terra a lui più congeniale: «Non so cosa accadrà in futuro ma io continuerò a provarci e a lottare finché ne avrò le forze» dice dopo la premiazione scatenando il boato del Philippe Chatrier. E poi i ringraziamenti al team e alla famiglia «senza di voi mi sarei ritirato da tempo», dice il maiorchino che poi, ai microfoni di Eurosport parla del problema al piede destro: «A Roma era impossibile da gestire. Il medico è stato qui in queste due settimane: gioco con un'iniezione sul nervo, il piede viene addormentato. Quante iniezioni ho fatto? Meglio che non ve lo dica...».

Roland Garros, una finale senza storia

La finale con Casper Ruud è praticamente senza storia. Nadal la chiude con un rovescio lungolinea e a 36 anni diventa il più anziano vincitore di sempre del Roland Garros. Lo spagnolo supera anche il record di Andres Gimeno campione cinquant'anni fa. La finale si è rivelata, per quanto paradossale possa sembrare, la partita più facile delle sette. Rafa ha completato il cammino verso il quattordicesimo slam parigino in altrettante finali battendo quattro Top 10 in sette partite: Felix Auger-Aliassime (il terzo giocatore a portarlo al quinto set a Parigi), Novak Djokovic, Alexander Zverev (che si è ritirato per la caduta nel finale del secondo set che gli è costata la lacerazione di diversi legamenti della caviglia destra) e appunto Ruud, primo finalista norvegese di sempre in uno Slam. Con la vittoria di Parigi Nadal festeggia il 22mo major in carriera, staccando in questa classifica Djokovic e Federer, che ne hanno in bacheca 20. Ruud paga l'emozione e subisce due break nei primi tre turni di battuta. Il controllo della partita ce l'ha Nadal che chiude il primo set 6-3. Il secondo set si apre con un insolito break che Nadal concede con tre doppi falli (1-3), ma la schematicità efficiente di Ruud non gli basta a mantenerlo. Lo spagnolo riprende in mano il filo della partita e da quel momento non perde più un game. Il dominio di Nadal al Roland Garros, iniziato nel 2005 e continuato lungo diciassette anni in cui non è mai uscito nemmeno per una settimana dalla Top 10 nel ranking ATP, è sotto gli occhi di tutti. È sotto gli occhi anche di Casper Ruud, che a tredici anni era sullo Chatrier da tifoso per sostenere Rafa, e dall'agosto 2018 ha scelto la Nadal Academy come sua base. «Complimenti a Rafa, tutti sappiamo che campione sei. Oggi ho provato cosa voglia dire giocare in finale contro di te, non è stato facile - ha detto Ruud dopo la partita, durante la cerimonia di premiazione -. Grazie a te e alla tua famiglia, mi avete fatto entrare a braccia aperte nella vostra accademia. Siete una grande ispirazione».

 

Terzo set

Nadal tiene facilmente il servizio, 1-0 e poi strappa il servizio all'avversario subito dopo al 30 (2-0). Nadal domina e in pochi minuti si porta sul 4-0, poi sul 5-0. Ruud al servizio sullo 0-5 senza più idee, servizio ceduto a 3-0 e apoteosi finale per Nadal.

Roland Garros, Swiatek regina di Parigi: battuta l'americana Gauff

Secondo set

Ruud tiene il servizio di apertura, 1-0. Nadal lascia a 15 l'avversario, 1-1. Ruud poi tiene il servizio e strappa a 15 il servizio al maiorchino, 3-1. Subito dopo Nadal strappa a sua volta il servizio a Ruud sfruttando l'unica chance sul 30-40 al termine di un lungo (e poco spettacolare) scambio da fondo con parabole altissime. Situazione sul 3-2 Ruud. Nadal tiene agevolmente il servizio, 3-3. Al game successivo Ruud ancora in difficoltà e costretto a cedere la battuta, 4-3 Nadal che tiene anche il servizio successivo (5-3). Al nono game Nadal strappa ancora il servizio all'avversario, sfruttando un doppio fallo finale (6-3 finale). Nadal avanti di due set a zero.

Lewandowski in tribuna si congratula con la Swiatek

Primo set

Nadal tiene il primo servizio a 15, è va sull'1-0 poi strappa il servizio a 30 al norvegese al game successivo (dopo aver fallito una palla break). Ruud inizia a carburare al terzo game e a sua volta strappa il servizio all'avversario lasciato a 30 (Nadal aveva salvato una palla game sul 15-40). Subito dopo, però, nuovo break di Nadal che allunga sul 4-1, poi Ruud tiene il servizio (non senza qualche difficoltà) a 30: 4-2 per lo spagnolo. Nadal sale sul 40-0 al game successivo, controlla il ritorno del norvegese che ottiene due punti e si porta sul 5-2. Ruud tiene il servizio e si va sul 5-3. Lo spagnolo serve per il set, Ruud si porta sul 15-30 poi tre punti consecutivi e Rafa chiude il primo set.

Tennis, lacrime per Zverev: «Infortunio molto grave»

Il giallo

Un giallo però sul futuro di Nadal agita la giornata. Con lo spagnolo che insegue, contro Casper Ruud, il 14/o successo sulla terra rossa di Francia, tra social e media locali è scattata una corsa di indiscrezioni su un possibile annuncio di ritiro da parte del maiorchino. Secondo i media francesi Nadal avrebbe chiesto agli organizzatori del torneo dello Slam di poter tenere una conferenza stampa aggiuntiva in cui secondo le voci avrebbe annunciato il suo addio. Ad alimentare ancora di più la cosa l'arrivo non previsto di Roger Federer.

Roland Garros, Nadal batte Djokovic e vola in semifinale: «Continuo a giocare per serate così»

Ma l'indiscrezione è stata smentita dallo staff del campione spagnolo, in particolare dal responsabile della comunicazione, Benito Perez-Barbadillo, che sull'account twitter ha scritto: «Le informazioni apparse su alcuni media in merito alla richiesta di una seconda conferenza stampa di Rafael Nadal sono completamente false». Il caso per il momento pare chiuso. Il maiorchino, 36 anni, anche in questi giorni ha ripetuto «non so se è il mio ultimo Roland Garros»: da anni il campione soffre di un problema alle ossa del piede che gli ha causato sempre molto dolore.

Ultimo aggiornamento: 20:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA