L'abbraccio caloroso di Napoli all'Italia
e alla Francia campione del mondo

Domenica 12 Gennaio 2020 di Diego Scarpitti
Italia
Il calore di Napoli non ha eguali. Foto, autografi, selfie e l’abbraccio espansivo dei ragazzi delle scuole dell’area flegrea alla Nazionale italiana under 20. Villaggio del Rugby a Bagnoli gremito e in festa per il match con la Francia campione del mondo. Partita vera sul rettangolo verde, che appassiona supporters e curiosi. Tifo composto e spalti affollati non destano preoccupazione agli operatori della Polizia di Stato – IV Reparto Mobile, coordinato dal primo dirigente Carmine Soriente.  Vincono gli azzurri 18-10 sui transalpini in tradizionale maglia blu, in vista dell’esordio nel Sei Nazioni venerdì 30 gennaio a Colwyn Bay in Galles.

Dopo la Marsigliese e l’inno di Mameli, è il capitano Paolo Garbisi a sbloccare il match (3-0). Allunga la selezione allenata da Fabio Roselli con la meta realizzata da Manuel Zuliani (8-0). Su calcio piazzato accorcia le distanze Michet (14’). Il numero 10 azzurro si rende nuovamente protagonista: Garbisi porta i suoi sull’11-3 al minuto 23'. Jacopo Trulla va in meta nel finale della prima frazione di gioco e lo scatenato Garbisi fissa il punteggio sul 18-3.

Nella ripresa la giovane Italia (nelle foto di Stefania de Rosa) gestisce il vantaggio acquisito e la meta allo scadere di Parisien chiude definitivamente l'incontro sul 18-10.
 
 

Parte subito forte il 2020 all’ombra del Vesuvio. Se il 2019 è stato caratterizzato dal Five Nations dello scorso febbraio e dalle Universiadi di luglio, il nuovo anno è incominciato con il grande rugby internazionale, impreziosito dalla presenza del commissario tecnico della Nazionale maggiore, il sudafricano Franco Smith, successore del dimissionario Conor O’Shea. «Complimenti all’Amatori Napoli per l’organizzazione e la struttura. Il Villaggio del Rugby è un impianto eccezionale, dotato di un campo fantastico. La Nazionale italiana under 20 ha disputato un buon incontro: c’è da lavorare in previsione del Sei Nazioni».

Gli apprezzamenti di Smith incassati ben volentieri dal presidente verdeblu Diego D’Orazio, a coronamento di un lavoro prolungato e fruttuoso. «Napoli sempre più centrale nello scenario nazionale e internazionale della palla ovale. Siamo contenti di aver ospitato la Francia campione del mondo under 20 a Bagnoli, dimostrazione evidente che non mancano passione e capacità organizzative». I galletti continueranno ad allenarsi indisturbati a Napoli fino al 17 gennaio. «Qui ci sono le condizioni ottimali, non solo climatiche, per preparare al meglio la prestigiosa competizione del Sei Nazioni di categoria. Siamo davvero lieti di aver accolto i francesi nel nostro impianto. E’ solo l’inizio di altre prossime iniziative», conclude soddisfatto D’Orazio. E come il patron dell’Amatori così i numerosi aficionados della palla ovale a Napoli.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA