Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Settimana del Mare 2022, il trionfo
della pallanuoto nella Grande Bellezza

Martedì 12 Luglio 2022
Antonino junior

Il Vesuvio sullo sfondo, il sole e le onde, il campo immerso nella Grande Bellezza e uno scenario unico al mondo. Con il Golfo che diventa uno stadio del nuoto naturale. Cartolina unica con le barche ad abbellire il contesto e i turisti meravigliati che si fermavano ad osservare lo spettacolo. Basterebbe solo questo a certificare il trionfo della Settima del Mare 2022, giunta alla terza edizione e sempre più appuntamento fisso, entrata di diritto nel palinsesto sportivo cittadino e nei cuori di molti.

 

Bilancio. «E’ stata una bella rassegna per le categorie giovanili. Il nostro prossimo obiettivo sarà internazionalizzare la manifestazione», assicura convinto Andrea Scotti Galletta. «I tornei sono un mezzo per ricordare quanti non sono più tra noi: Mario Occhiello, Mario Vivace, Mario Scotti Galletta e Paolo De Crescenzo, che hanno dato tanto nello sport e nella vita. E’ giusto onorare la loro memoria», afferma il figlio d’arte. «Abbiamo registrato una grande partecipazione con l’aumento delle squadre in gara. Ringraziamo quanti ci hanno supportato. E’ stato un successo l’incontro tra Centro Sportivo Portici ed Expert Napoli Lions Ability, pronte a sfidarsi tra qualche giorno ai Campionati italiani a Fuorigrotta (14-17 luglio). Stiamo facendo il possibile per aumentare sempre di più gli appassionati della pallanuoto sia in piscina che a mare», argomenta Scotti Galletta.

Si conferma un successo che era già nell’aria. «Scelta vincente quella di ritornare sul lungomare. Un palcoscenico naturale quello della Rari Nantes Napoli, premiato dalla presenza quotidiana di spettatori e curiosi», osserva Simone Mulazzani. «Hanno preso parte alla terza edizione ben 600 atleti per la pallanuoto e la dimensione della kermesse è ulteriormente aumentata. Abbiamo aggiunto nuove discipline come il nuoto in acque libere e la canoa polo. Questo è stato possibile grazie al sostegno degli sponsor, che hanno scommesso e creduto nel nostro progetto». L’evento è stato patrocinato dal Comune di Napoli, dal Coni Campania e dal Cip regionale.

«Non facciamo altro che continuare le attività in cui Mario (Scotti Galletta) credeva. Una tradizione da proseguire. Crediamo in questo sport e nei suoi valori e andiamo avanti, perché da lassù ci guarda e approverebbe certamente», asserisce Barbara Damiani, tecnico della Napoli Nuoto. Riflessione pienamente condivisa anche da Fabio Galasso e Gennaro Mattiello.

Amicizia, divertimento, rispetto delle regole e dell’avversario gli ingredienti fondamentali per la crescita del movimento pallanuotistico nazionale. Alla presenza del responsabile nazionale della Finp per la pallanuoto, Mario Giugliano, e del segretario generale Finp, Fabrizio Daffini.

«Ci apprestiamo a vivere da giovedì 14 luglio il campionato di pallanuoto paralimpica alla Scandone. Vivremo questa nuova esperienza con impegno, cercando di raggiungere il risultato migliore e dando l’esempio a tutti i giovani nella speranza che possano trovare nella waterpolo un gioco di squadra valido e un veicolo di crescita», annuncia Vittorio Abete, capitano dell’Expert Napoli Lions Ability.

La pallanuoto paralimpica è una certezza e non più una chimera. «Ormai è una grandissima realtà a livello nazionale, che entusiasma addetti ai lavori e non solo. Uno sport che aggrega tutti. Il confronto in acqua dà la possibilità di mettersi in gioco, di misurare la propria forza e le proprie abilità. E sarebbe fantastico poter dar vita a sfide internazionali tra club di diversi paesi. Napoli si appresta a diventare la capitale della pallanuoto paralimpica», conclude fiducioso Gianluca Attanasio, Ambasciatore dello Sport per le periferie povere d’Italia (nelle foto di Gianluca Madonna).

Di seguito i risultati della manifestazione.

Torneo under 16-Memorial Mario Scotti Galletta: Aqavion, Acquachiara, Rari Nantes Salerno. Leonardo De Martino (Aqavion) premio miglior giocatore Ottica D'Abundo; Matteo Caputo (Aqavion) premio miglior portiere; Andrea Di Maro (Acquachiara) premio Fair Play Nadia Paese.

Torneo under 18-Memorial Paolo De Crescenzo: Canottieri Napoli, Villa York, Rari Nantes Salerno. Antonio Florena (Canottieri Napoli) premio miglior giocatore Ottica D’Abundo; Giuseppe Mattei (Canottieri Napoli) premio miglior portiere; Sara Buono (Napoli Nuoto) premio Fair Play Nadia Paese.

Torneo under 12-Memorial Mario Vivace: Pallanuoto Salerno, Expert Napoli Lions, Acquachiara. Paolo Vetri (Pallanuoto Salerno) premio miglior giocatore Ottica D’Abundo; Giovanni Esposito (Aqavion) premio miglior portiere; Francesco Plantulli (Acquachiara) premio Fair Play Nadia Paese.

Torneo under 14-Memorial Mario Occhiello: Canottieri Napoli, Aqavion, Expert Napoli Lions. Salvatore Iacovelli (Canottieri Napoli) premio miglior giocatore Ottica D’AdabundoPaolo Molisso (Canottieri Napoli) premio miglior portiere; Giovanni Esposito (Aqavion) premio Fair Play Nadia Paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA