Tour de France, Julian Alaphilippe vince la tappa delle cadute

Martedì 29 Giugno 2021 di Carlo Gugliotta
Tour de France, Julian Alaphilippe vince la tappa delle cadute

La prima tappa dell'edizione 2021 del Tour de France, da Brest a Landerneau, è stata caratterizzata da due terribili cadute, una delle quali davvero molto spiacevole in quanto causata da una signora a bordo strada, che ha cercato di farsi inquadrare dalle telecamere mentre teneva in mano un cartello. Proprio mentre la signora si avvicinava al gruppo, il povero Tony Martin, compagno di squadra di Primoz Roglic, secondo lo scorso anno in classifica generale, non ha potuto evitare l'impatto con quel cartello, finendo a terra e trascinando con sè tre quarti di gruppo. Un vero e proprio effetto domino che si sarebbe potuto evitare con una maggiore disciplina da parte della signora, ma purtroppo negli ultimi anni il Tour de France è ricco di episodi simili.

Ne sa qualcosa, ad esempio, Vincenzo Nibali, finito a terra sull'Alpe d'Huez nel 2018 per colpa di un tifoso, e rimesso in sella proprio da un gruppo di supporter che avevano peggiorato ulteriormente il suo infortunio. Il Tour torna quindi ad essere abbracciato dai tifosi, nonostante la pandemia di Covid-19, ma purtroppo bisogna fare ancora i conti con un pubblico che dovrebbe darsi una calmata e pensare solo a fare il tifo. C'è stato però un grande gesto di fair play da parte delle squadre che in quel momento erano in testa al gruppo, che hanno deciso di rallentare per far rientrare tutti. Proprio il Team Jumbo-Visma di Martin e Roglic ha ringraziato le altre squadre sui social network per il gesto di grande sportività. Lo scorso anno il Tour era partito sotto una pioggia torrenziale che ha fatto finire a terra molti corridori, ma anche quest'anno non si è riusciti a trovare pace.

Ancora una caduta

La seconda caduta è stata invece un vero e proprio incidente in gara, con uno dei corridori del gruppo che è finito a terra all'improvviso e ha trascinato mezzo gruppo. Il corridore che ha avuto la peggio è stato Chris Froome, apparso decisamente dolorante. Il britannico, vincitore di quattro Tour de France, mancava dal 2018, a causa di uno spaventoso incidente al Giro del Delfinato 2019. Una lunga riabilitazione e lunghi allenamenti nel corso degli ultimi due anni rischiano di essere vanificati da questo episodio. Froome è comunque riuscito a tagliare il traguardo.

Il vincitore

La tappa si è decisa sul breve strappo finale della Fossa dei Lupi, dove il neo papà campione del mondo Julian Alaphilippe ha dato la propria stoccata da autentico moschettiere, ed è andato a prendersi il successo e la prima maglia gialla di questa edizione della Grande Boucle, dedicando il successo al primogenito Nino. La volata del gruppo dei battuti è stata vinta da Michael Matthews, che è andato a prendersi la seconda posizione. In questo gruppo era presente anche Vincenzo Nibali, migliore degli azzurri al traguardo e apparso davvero in ottima forma dopo un Giro d'Italia avaro di soddisfazioni. 

Domani ci sarà la second atappa dell'edizione numero 108 del Tour de France, da Perros-Guirec al Mûr-de-Bretagne: il gruppo affronterà due volte l'ascesa conclusiva e saranno assegnati 8 secondi di abbuono in classifica generale a chi transiterà per primo al primo passaggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA