Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Zverev, brutto infortunio alla caviglia
durante il match contro Nadal

Venerdì 3 Giugno 2022
Zverev, brutto infortunio alla caviglia durante il match contro Nadal: il tedesco si ritira in lacrime

Brutto infortunio per Alexander Zverev durante le semifinali del Roland Garros. Il tedesco che era sotto di un set e 6-6 nel secondo contro Rafael Nadal è uscito in lacrime dopo che la sua caviglia destra ha subito una brutta distorsione. Zverev, costretto al ritiro, è uscito dal campo in sedia a rotelle salvo poi rientrare in stampelle per salutare lo spagnolo.

 

Zverev in lacrime, Nadal in finale

La trentesima finale di Slam conquistata nel giorno del suo 36mo compleanno. I numeri di Rafa Nadal ormai sono difficili da tenere a mente: a Parigi, la sua terra rossa, quella in cui domina pressoché senza rivali, lo spagnolo però avrebbe voluto che un match giocato fino in fondo decretasse il primo finalista del Roland Garros. E invece contro Sascha Zverev, dopo pure tre ore di battaglia fatta di break e controbreak, con il secondo set ancora da concludere il tedesco si è ritirato. Un grave infortunio alla caviglia (sul punto che manda il secondo set al tiebreak Zverev cade a terra, il piede completamente bloccato) ha costretto Zverev a uscire in sedia a rotelle tra urla e lacrime e rientrare dopo il medical time out sorretto dalle stampelle. Niente da fare, semifinale decisa a tavolino con il primo set vinto da Nadal al tie break 10/8 e il secondo interrotto sul 6-6: una maledizione per il 25enne di Amburgo, numero 3 del mondo, oro olimpico a Tokyo, 19 tornei Atp conquistati, ma ancora a zero nella casella degli Slam. «So quanto lui sta combattendo per vincere uno Slam, stavolta è stato molto sfortunato, ma sono sicuro che non ne vincerà uno ma tanti» l'omaggio di Nadal all'avversario.

Nadal, la carriera senza fine

Per lo spagnolo, undici anni più grande del tedesco, la carriera continua a essere senza fine: il dolore alla schiena, la spalla, quest'anno anche il covid, ma niente ferma la macchina Nadal. Un highlander in campo, che con il torneo dello slam parigino ha un feeling assoluto: nell'edizione in corso aveva già eliminato Novak Djokovic dopo una battaglia finita in piena notte, tra gli applausi. E ora va a caccia del suo quattordicesimo Open di Francia, lo slam del cuore: l'ultimo della lunga serie vinto nel 2020. In mezzo ci sono due Australian Open, altrettanti Wimbledon e quattro Us. Ventuno titoli vinti su 29 finali disputate, con la terra rossa a fare da padrona. «Giocare con Zverev nella sua condizione di forma è difficile - ha detto Nadal, che domenica affronterà il vincente tra Ruud e Cilic - in oltre tre ore di gioco non avevamo finito nemmeno il secondo set. È bellissimo essere in finale, ma non avrei voluto così, quando ho visto Sascha in lacrime per me è stato molto triste. Gli auguro il meglio, di riprendersi presto, è uno dei più forti del circuito».

La semifinale prima dello stop

Una sfida cominciata con i 15.000 appassionati che sugli spalti della Philippe Chatrier avevano accolto lo spagnolo tra gli applausi e intonando buon compleanno. Ma non era così il regalo che Nadal aspettava: la conclusione amara della prima semifinale del torneo parigino toglie gioia al risultato e a un match che pure aveva regalato show fin dalle prime battute. Zverev era partito fortissimo: sostenuto dal servizio, ha messo alle corde Nadal. Poi punto a punto fino al lungo tie break che ha premiato lo spagnolo. Il secondo set sempre testa a testa fino al 6-6 e all'interruzione con Zverev a terra che si tiene la caviglia. Gioco fermo, il tedesco esce in carrozzina, ma dopo pochi minuti rientra, abbraccia Nadal e saluta tutti. Parigi finisce qui. In finale va il mancino di Spagna, la sua n.30 di Slam. In caso di successo diventerebbe il più anziano giocatore a vincere il Roland Garros e per la prima volta riuscirebbe a vincere i primi due Major della stagione. Con il successo contro Zverev, Rafa porta a 111 vittorie e sole 3 sconfitte il bilancio nel torneo. E ora caccia all'ennesima gloria a Parigi.

Ultimo aggiornamento: 22:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA