JuveCaserta contro Ravenna:
«Chiumenti sorvegliato speciale»

Venerdì 10 Gennaio 2020 di Candida Berni Canani
La capolista del girone est Orasì Ravenna si presenterà domenica al Palamaggiò forte di 13 vittorie su 16 incontri disputati; di otto successi consecutivi e dell'imbattibilità interna. Tutti fattori che la dicono lunga sullo spessore della compagine romagnola ospite a Castelmorrone decisa a mettere altro fieno in cascina.
All'andata, l'Orasì dovette lottare strenuamente contro la Juve che ebbe in Carlson, Allen, Hassan, capitan Giuri, Cusin e negli altri compagni di squadra, precisi punti di riferimento. In quell'occasione la vittoria sfuggì per un soffio, per cui ora i casertani intendono pareggiare i conti nel match di domenica (ore 18).
«Affronteremo questo turno memori della gara di andata giocata per grandi tratti alla pari, esprimendo sul campo una pallacanestro efficace e solida», afferma Federico D'Addio, secondo assistente nello staff di coach Gentile. Il tecnico riconosce che «domenica ci ritroveremo di fronte un avversario che ha dalla sua una forte identità di squadra, frutto del gran lavoro svolto dall'allenatore Cancellieri e dal suo staff, sia dal punto di vista tecnico che tattico. Non a caso è prima in classifica rammenta - peraltro in solitaria con sei punti di vantaggio sulle inseguitrici, con una striscia aperta di ben otto vittorie. Una squadra incalza Federico D'Addio che dall'inizio del campionato è stata capace di fare della continuità del gioco e dei risultati la sua prerogativa». Oggi Giuri e compagni si addentreranno ancor di più nel piano partita per frenare ogni iniziativa degli ospiti. «Uno degli aspetti su cui l'Orasì ha poggiato le basi della stagione è l'intensità difensiva e la capacità di essere aggressivi per tutto l'arco di ogni singola partita» ha sottolineato D'Addio. Il tecnico casertano che, insieme al primo assistente Fabio Farina e al preparatore Menico Papa fa parte dello staff di Gentile, rileva che «Chiumenti è sicuramente la chiave di questa caratteristica di Ravenna, grazie al suo temperamento e all'attitudine che trasmette ai suoi compagni. Alla propensione difensiva continua - viene associata una grande capacità di costruire situazioni vantaggiose in attacco, sia sul perimetro con i suoi esterni, che nel pitturato grazie al grande atletismo e alla fisicità di Thomas che costituisce un punto di riferimento importante, insieme all'altro Usa Potts e a Marino».
Nella sua analisi, Federico D'Addio non dimentica il contributo che stanno dando i due under Treier e Jukatamm a cui coach Cancellieri sta dando tanti minuti e responsabilità. Come si sta preparando la Juvecaserta a questa prova del fuoco». Risponde D'Addio: «sin dall'inizio della settimana l'idea è stata quella di riproporre in allenamento, il più possibile, l'agonismo e la fisicità di Ravenna, in modo da abituare i ragazzi al tipo di partita che ci aspetterà domenica, mettendo tanta enfasi ai particolari e alla capacità di gestire i momenti della gara sotto pressione, non solo fisica ma anche mentale. Come ogni settimana racconta Federico D'Addio il lavoro dello staff è sinergico ed integrato. Ognuno porta il suo contributo quotidiano, fornendo a Nando Gentile il materiale necessario alla costruzione del lavoro da proporre ai nostri cestisti. Personalmente rivela mi occupo soprattutto delle video-analisi delle squadre avversarie, lavoro da cui proviamo a tirar fuori quante più informazioni possibili, sia inerenti alle caratteristiche individuai dei giocatori, che di squadra, aspetto a cui il nostro head coach tiene in particolare modo e su cui poi costruisce le scelte e il piano partita».
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA