La JuveCaserta contra sull'effetto
sorpresa contro il Mantova

Sabato 15 Febbraio 2020 di Salvatore Cavallo
Ritrovato il successo in campionato dopo 6 sconfitte consecutive e quello sui legni del Palamaggiò dopo 3 stop di fila, la Juvecaserta vuol tornare a sorridere anche on the road. L'ultima vittoria lontano da casa i bianconeri l'hanno conquistata addirittura un girone fa sul parquet dell'Agribertocchi Orzinuovi; correva il 23 novembre e da quel giorno la truppa di coach Nando Gentile ha dovuto ingoiare ben 5 bocconi amari. Domani, pertanto, al Grana Padano Arena (palla a due alle ore 18) la Juvecaserta proverà a sorprendere una Mantova che, a sua volta, vorrà riscattare lo scivolone contro San Severo nell'ultimo confronto casalingo.
I PUNTI
Non sarà facile per la Juvecaserta strappare i due punti, anche perché nell'ostica trasferta lombarda dovrà fare a meno ancora una volta di Marco Giuri. Il capitano sta recuperando dall'infortunio muscolare patito contro Forlì e l'obiettivo è rivedere il play brindisino in campo per la sfida interna di martedì 25 febbraio con Ferrara, sempre che non corra rischi di ricadute. «Sappiamo che Mantova è una squadra di alta classifica costruita per fare un campionato di vertice afferma Mirco Turel ed ha un roster con due americani super ed italiani esperti».
TOP SCORER
Il play-guardia Rotnei Clarke è il top scorer con quasi 19 punti per allacciata di scarpe, tirando con il 48% da due ed il 44% dalla lunga distanza, mentre l'ala-pivot Kenny Lawson garantisce solidità nell'area colorata, catturando 8 rimbalzi per gara e producendo 16.3 punti con il 58% da due ed il 37% dall'arco dei 6.75. Un contributo prezioso l'apportano in termini di esperienza l'ala Ghersetti (11 punti e 4 rimbalzi) e di aggressività e vigoria fisica la guardia Visconti (11 punti e quasi 2 assist). «Contro Orzinuovi abbiamo conquistato due punti riprende l'ala casertana Turel e con le unghie e con i denti andremo anche a Mantova per battagliare. Mancano tre partite alla fine della regular season». Sul versante lombardo il pivot Tommaso Raspino non nasconde la voglia di riscattare la sconfitta patita al Palamaggiò: «A Caserta all'andata abbiamo giocato una delle partite peggiori dell'anno, quindi sicuramente sottolinea il lungo della Pompea un po' di voglia di rivalsa adesso c'è. In questo momento sono tranquillo e carico. Caserta è temibile ed ha diverse bocche da fuoco». Dopo la bella prestazione offerta da Seth Allen contro Orzinuovi, la difesa mantovana aumenterà il livello di attenzione difensiva sull'americano bianconero che rappresenta senza dubbio il principale terminale offensivo bianconero.
ALLEN
Sarà importante che Allen, stante anche l'assenza di Giuri, dia un prezioso contributo in cabina di regia, evitando di intestardirsi in giocate solitarie. Allen potrà essere il grimaldello per aprire la cassaforte difensiva della compagine mantovana non solo mettendosi in proprio ma anche provando a punire i raddoppi avversari con passaggi vincenti ai compagni. Il gioco di squadra, la circolazione di palla in attacco, l'aggressività e la concentrazione difensiva saranno le armi indispensabili di Caserta per provare a tornare a casa vittoriosa. Ad arbitrare il confronto è stato designato il terzetto di fischietti composto da Mauro Moretti di Marsciano (Pg), Daniele Caruso di Milano e Silvia Marziali Silvia di Frosinone.
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA